Nei giorni scorsi sono stati ufficializzati i nuovi ingressi in giunta dopo le defezioni di Caponio e Fontanarosa e il dimissionamento della Colacicco

Nomina assessori, Petragallo (DI): «Rimpasto sintomo di assenza di visione strategica della città»

Dopo la presunta possibilità di un’incompatibilità di carica di uno dei due nuovi assessori è sempre lo stesso partito ad intervenire icenda ma, questa volta, per mano del segretario cittadino, Giovanni Petragallo

Politica
Santeramo domenica 10 novembre 2019
di La Redazione
Giovanni Petragallo, Segretario Cittadino di Direzione Italia
Giovanni Petragallo, Segretario Cittadino di Direzione Italia © n.d.

Continuano le reazioni, specie nel mondo politico locale, dopo la nomina dei due nuovi componenti della giunta comunale, ovvero i neoassessori Porfido e Fraccalvieri.

Dopo la presunta possibilità di un’incompatibilità di carica per l’assessore all’urbanistica Porfido sollevata dal consigliere di minoranza di Direzione Italia, Michele Digregorio e poi smentita dal primo cittadino è sempre lo stesso partito ad intervenire nella vicenda ma, questa volta, per mano del segretario cittadino, Giovanni Petragallo.

«Il rimpasto, come gli avvicendamenti, sono il tratto distintivo di una compagine (quella a 5 stelle) che, dopo 2 anni e mezzo, non è ancora in grado di dare una vera amministrazione a Santeramo» - afferma Petragallo in una nota inviata in Redazione.
«Il cambio di ulteriori 2 assessori (fonti di palazzo dicono che è in arrivo la nomina del terzo assessore ai Servizi sociali), è l'ammissione dell'assenza di una visione strategica della città.
La conferma è facilmente riscontrabile nel caos e stagnazione di tutti i servizi/settori comunali, soprattutto del settore urbanistico, un settore già di per sé in crisi».
«Sino ad ora – commenta il segretario di Direzione Italia - non abbiamo ancora letto nessuna dichiarazione, da parte del sindaco Baldassarre, circa i motivi alla base di questo ennesimo rimpasto. Speriamo che non si appelli al "senso di responsabilità" dell'esecutivo, perché sarebbe paradossale, dopo che in questi 2 anni e mezzo è stata proprio l'irresponsabilità delle scelte e l'immobilismo, oltre l'incapacità, ad avere la meglio sull'amministrazione Baldassarre».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Giusy ha scritto il 10 novembre 2019 alle 21:15 :

    Politici che da 30 anni ripetono sempre le stesse cose. Il bello è quando poi mandano a casa i sindaci dopo 2 anni o poco prima dello scadere del mandato. Sempre gli stessi. Prima direzione Italia, primavera azzurra, poi cambiano nome e rimangono Sempre le stesse persone...bla bla bla bla bla Rispondi a Giusy