Speciale Elezioni

Speciale Elezioni 2022

Le News
Anche la lista di Azione ha comunicato la propria fuoriuscita dalla coalizione

Comunali, il centrosinistra all'ex gruppo dirigente di Sinistra Italiana: «Nessun rispetto»

In una nota Partito Democratico, Lista Con Casone, Popolari con Casone, Senso Civico e Noi di centro accusano l'ex gruppo dirigente di SI di non aver rispettato i patti di coalizione

Politica
Santeramo giovedì 21 aprile 2022
di La Redazione
Michele Cardascia
Michele Cardascia © n.d.

Non tardano ad arrivare le prime reazioni a seguito della fuoriuscita, dalla coalizione di Centrosinistra, di Sinistra Italiana ed Azione.

Nella giornata di ieri, infatti, prima il gruppo dirigente di Sinistra Italiana (che alle primarie per l’individuazione del candidato unico della coalizione schierava Michele Cardascia) e poi Azione hanno infatti comunicato ufficialmente la loro uscita dalla compagine politica.

Un’uscita, per certi versi, “nell’aria” ma che è stata ufficializzata solo ieri.

Principale “indiziato” delle reazioni è però il gruppo dirigente di Sinistra Italiana. Su tale decisione - sempre nella giornata di ieri - è anche intervenuto il coordinatore provinciale del partito, Salvatore Lospalluto, proprio per chiarire la posizione del partito.

«Ci sorprende, ma non troppo, un comunicato del gruppo facente parte fino a ieri di Sinistra italiana, in cui si parla della propria uscita dallo schieramento di Centrosinistra. La motivazione sarebbe la "marginalizzazione dell'area di sinistra". Ci vuole pudore!».

È questo l’incipit di una nota, pervenuta in Redazione, a firma del Partito Democratico, Lista Con Casone, Popolari con Casone, Senso Civico e Noi di centro.

«Tali “illustri personaggi”, che hanno imposto il loro candidato, Cardascia, impedendo al Partito Democratico una sua candidatura, oggi – si legge nella nota pervenuta in Redazione - hanno la faccia tosta di parlare di "marginalizzazione". La verità è che la sconfitta del loro candidato li ha sconvolti e non hanno accettato la vittoria dell'altro: Casone. Nessun rispetto per gli accordi presi col PD e con l'intera coalizione! Nessun rispetto per gli Organismi politici provinciali e regionali, intenzionati, al contrario, a mantenere fede ai patti».

«Nessun rispetto per l'elettorato nel suo insieme! Nessun rispetto per il paese! Il gruppo che, fino a ieri, era parte di Sinistra Italiana, con tale gesto ha disonorato persino il suo elettorato, nel quale sicuramente c'è gente seria che sa cosa sono la lealtà e l'onore. Quanto sono valse le loro parole e la loro coerenza? Zero! Quanto è valsa la parola di Raffaele Labarile, ex segretario di Sinistra italiana? Zero! Quanto sono valse le parole e la firma di Michele Cardascia? Zero!».

«A questi politicanti – si legge ancora nella nota a firma dei partiti della coalizione di centrosinistra - senza cultura e senza rispetto, il Segretario Provinciale di Sinistra italiana ha tolto persino il simbolo di partito! Altro che snaturamento del campo di Centrosinistra! Gli snaturati sono loro! E osano anche parlare di coerenza politica e ideali! Ma di cosa parlano? Neanche loro lo sanno. Ma si immagini un paese nelle mani di questa gente! Forse è una gran fortuna che non approderanno all’interno dell’istituzione comunale! Ora, sprovvisti della loro bandiera, andranno a cercarsi un altro candidato sindaco, come miseri personaggi in cerca d'autore. Auguri! Fortuna che la sinistra non è questa!».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • X il PD ha scritto il 21 aprile 2022 alle 11:49 :

    ... Alzati che si sta alzando la canzone popolare... Rispondi a X il PD

  • GioNa ha scritto il 21 aprile 2022 alle 13:09 :

    Con questi giochetti, state soltanto avvantaggiando la concorrenza. Mettetevi d'accordo se volete governare, altrimenti farete vincere gli altri che almeno in apparenza sembrano uniti...poi sappiamo che si sfasceranno o faranno rimescolamento dopo. Rispondi a GioNa

  • Caponio Rocco angelo ha scritto il 21 aprile 2022 alle 14:19 :

    Se le primarie si fossero svolte con lealtà e trasparenza e il PD avesse appoggiato l unico candidato che rappresenta il centro sinistra tutto questo non sarebbe accaduto Rispondi a Caponio Rocco angelo

  • Punto interrogativo? ha scritto il 21 aprile 2022 alle 15:35 :

    DèS - SÌ - Azione sono tutti andati. È rimasto solo il PD con 4 partiti di centro. Cosa significa? Rispondi a Punto interrogativo?

  • Carmine ha scritto il 21 aprile 2022 alle 17:16 :

    Credo sia più corretto dire "il centro", la sinistra non c'è più. Le politiche di Emiliano stanno distruggendo il centrosinistra in tutta la Puglia. Faccio una previsione, vince la Nocco e poi passa in una delle liste di Emiliano. Tutti vincitori Rispondi a Carmine

  • Stefano ha scritto il 21 aprile 2022 alle 21:14 :

    Il centrosinistra ha tutto il diritto di rompersi ma non certamente quello di rompere i cittadini con le sue beghe. Rispondi a Stefano

  • Carmine ha scritto il 21 aprile 2022 alle 21:21 :

    Tra i firmatari mancano Puglia Popolare e Primavera Alternativa. Anche loro sono fuori? Rispondi a Carmine

  • Manca un mese e mezzo... ha scritto il 22 aprile 2022 alle 15:14 :

    Secondo me lo scenario è ormai chiaro: Il ballottaggio sarà M5S vs. CASONE. Il M5S raccoglierà anche i voti dell'elettorato di sinistra e dei delusi del PD. CASONE raccoglierà i voti del centro e dei delusi del centrodestra (l'attuale ricordo di un sindaco barese ridurrà al minimo le possibilità di una seconda candidata sindaco barese consecutiva). L'ago della bilancia al ballottaggio sarà l'elettorato di D'Ambrosio (e del suo power up) che non potrà che riversarsi su Labarile. Il resto lo farà l'astensionismo. Gli sconfitti saranno il PD e tutto il centrodestra. E forse solo allora, sottolineo forse, avremo un vero ricambio generazionale nei partiti locali. Il prezzo da pagare è una seconda amministrazione pentastellata, purtroppo, la prima non è stata sufficiente. Rispondi a Manca un mese e mezzo...