La Federazione Giamaicana di Badminton, in base alle disposizioni governative del governo di Kingston, sembrerebbe voler negare l’ingresso agli atleti italiani

Coronavirus, l'atleta santermano Caponio (Badminton) fuori dalle Olimpiadi di Tokyo?

Il tutto infatti dipenderebbe dall’impossibilità -per Caponio e la nazionale italiana di Badminton - a partecipare ad un prossimo torneo sportivo che si svolgerà in Giamaica valevole per la qualificazione

Altri Sport
Santeramo venerdì 28 febbraio 2020
di La Redazione
Fabio Caponio in azione durante gli ultimi campionati nazionali di Badminton
Fabio Caponio in azione durante gli ultimi campionati nazionali di Badminton © Danilo Perri

Le possibili ricadute economiche a seguito del Coronavirus per diversi settori economici del paese sono note.

Nelle ultime ore, infatti, si susseguono notizie in merito a cancellazioni di prenotazioni in tutto il Belpaese.

A pagare le conseguenze del dilagare del virus, paradossalmente, potrebbe essere anche lo sport.
Malgrado le rassicurazioni odierne del presidente del Coni, Malagò, in diretta televisiva ad Agorà (su Rai3), sulla celebrazione degli Europei di Calcio della prossima estate diversa – pare – essere la sorte di altre discipline.

Una in particolare, purtroppo, riguarda anche Santeramo.

Il giovane talento di Badminton di Santeramo, Fabio Caponio, potrebbe infatti non partecipare alle Olimpiadi di Tokyo del 2020 che si svolgeranno dal 24 luglio al 9 agosto prossimo.

Il tutto infatti dipenderebbe dall’impossibilità -per Caponio e la nazionale italiana di Badminton - a partecipare ad un prossimo torneo sportivo che si svolgerà in Giamaica.

A confermare il tutto è lo stesso atleta e dal delegato regionale della FiBa (Federazione Italiana Badminton), Giuseppe Lassandro.

La Federazione Giamaicana di Badminton, in base alle disposizioni governative del governo di Kingston, sembrerebbe voler negare l’ingresso agli atleti provenienti dalla Cina, Corea del Sud, Iran, Italia e Singapore.

“La mia Fedarazione, in collaborazione con BWF (Confederazione mondiale di Badminton) e con il CONI sta cercando di risolvere la situazione per consentire – in un quadro in completa evoluzione – di noi atleti” – afferma l’atleta Fabio Caponio.

“Questo torneo è uno degli ultimi, validi, per ottenere la qualificazione a Tokyo 2020”.

Lascia il tuo commento
commenti