Il parlamentare potrebbe confluire assieme ad altri dieci parlamentari nella nuova “creatura” politica dell’ormai ex ministro Lorenzo Fioramonti che dovrebbe chiamarsi “Eco”

Parlamento, Angiola pronto a lasciare il MoVimento per seguire Fioramonti?

Secondo fonti parlamentari riportate da agenzie di stampa e dai principali quotidiani anche il parlamentare santermano, eletto nelle file del MoVimento 5 Stelle, sarebbe pronto ad abbandonare i pentastellati

Politica
Santeramo giovedì 02 gennaio 2020
di La Redazione
L'on. Angiola interviene in Parlamento sulla questione del furto di rame nelle campagne della Murgia
L'on. Angiola interviene in Parlamento sulla questione del furto di rame nelle campagne della Murgia © n.d.

Cambio di casacca per il parlamentare santermano Nunzio Angiola?

Da giorni, infatti, su diversi quotidiani nazionali il parlamentare, eletto nel collegio uninominale Puglia 05 – Altamura (il candidato pentastellato nelle elezioni del marzo 2018 aveva raccolto 67.855 voti, pari al 45,3%), sembrerebbe pronto a mollare il MoVimento per transitare (secondo fonti parlamentari riportate da agenzie di stampa e dai principali quotidiani) nella nuova “creatura” politica dell’ormai ex ministro Lorenzo Fioramonti (ministro dell’Istruzione, dell'Università e della Ricerca del secondo Governo Conte) che dovrebbe chiamarsi “Eco” (un nome che fa riferimento all’economia e all’ecologia).

Fioramonti, dopo le dimissioni da ministro, è stato anche pesantemente attaccato per la famosa questione delle “restituzioni” di indennità e rimborsi cui i parlamentari pentastellati sarebbero tenuti.

Anche per Angiola vi sarebbe, infatti, lo stesso problema.
Attenti analisti politici, infatti, hanno riscontrato (basandosi sui dati del sito tirendiconto.it, cui vengono pubblicati i dati e lo stato delle restituzioni dei parlamentari e consiglieri regionali grillini) che il parlamentare santermano risulterebbe ancora indietro nelle restituzioni (l’ultimo dato aggiornato per Angiola è infatti quello di maggio 2019).

Secondo Open, il quotidiano online diretto da Enrico Mentana, sarebbero una decina i deputati pronti a seguirlo. Oltre il già citato Angiola vi sarebbero Gianluca Rospi, Roberto Cataldi, Andrea Vallascas, Francesco Silvestri e Massimiliano De Toma. A questi potrebbero aggiungersi alcuni ex come Sara Cunial, Andrea Cecconi e Gloria Vizzini.

Nei giorni antecedenti al voto sulla manovra di bilancio, il deputato santermano aveva manifestato pubblicamente il proprio dissenso sulle modalità di approvazione della legge di bilancio in quanto alcuni emendamenti presentati dallo stesso parlamentare erano stati “bruciati” per via della “blindatura” posta sulla manovra con il voto di fiducia. Sempre Angiola, nei giorni scorsi, aveva espresso solidarietà a Fioramonti dopo la notizia dell’abbandono del gruppo parlamentare pentastellato e il conseguente ingresso nel gruppo Misto della Camera.

L’obiettivo del nuovo gruppo – secondo quanto riferito da Open - sarebbe quello di recuperare consensi e ricompattare il fronte dei “malpancisti” attorno a vecchie battaglie come quella, appunto, ambientalista continuando a sostenere il Governo “giallo-rosso” a guida Giuseppe Conte.

I giochi sarebbero fatti. Mancherebbe solo l’ufficialità che dovrebbe arrivare dopo le elezioni regionali in Calabria e Reggio Emilia (26 gennaio 2020).

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Alfonso Di Fabio ha scritto il 03 gennaio 2020 alle 02:22 :

    Oramai gli interessi di parte stanno scavalcando quello per cui il M5S era stato creato , chi si dimette per problemi di restituzione, chi per non rischiare di perdere la poltrona essendo in molti al secondo mandato, chi viene espulso per non aver votato uguale al gruppo parlamentare, stanno diventando tutti accattoni. Grillo e Casaleggio dovrebbero rivedere a malincuore alcuni punti cardine prima che il giocattolo si sfascia del tutto. Da un Pentastellato che crede nell'onestà, è l'italico in generale che non vuole l'onestà. Rispondi a Alfonso Di Fabio

  • Fabrizio Labarile ha scritto il 02 gennaio 2020 alle 16:06 :

    TUTTI IMPROVVISAMENTE COLPITI SULLA STRADA ...DEGLI INTERESSI PERSONALI. QUANDO SI CAMBIA IDEA E' OPPORTUNO RASSEGNARE LE DIMISSIONI ,TORNARE A CASA E PARTECIPARE ALLE PROSSIME ELEZIONI CON LA FORZA POLITICA CONFACENTE. QUESTA NON E UNA MIA IDEA ,MA IL SENSO DEONTOLOGICO DELLA POLITICA ,OLTRE CHE IL RISPETTO PER GLI ELETTORI !!!!! Rispondi a Fabrizio Labarile

    Francesco Peschetola ha scritto il 04 gennaio 2020 alle 10:21 :

    Dava Rispondi a Francesco Peschetola

    Salvatore chiarenza ha scritto il 03 gennaio 2020 alle 09:08 :

    Signor Fabrizio che in passato siano successi questi cambi di casacca , ma mai si era assistito ad una depravazione politica e meschina come in questa legislatura frutto da persone improvvisati e sprovvedute. Rispondi a Salvatore chiarenza