Nelle ultime ore, infatti, gli attivisti pentastellati santermani hanno – con una nota inviata alla nostra Redazione – fatto una “tiratina d’orecchie” all’amministrazione e al sindaco Baldassarre in primis

Querelle M5S-Amministrazione pentastellata. Opposizioni all'attacco

Con distinti commenti Riviello (Lega), Digregorio e Petragallo (Direzione Italia) commentano la guerra intestina tra attivisti pentastellati e amministrazione comunale

Politica
Santeramo domenica 03 novembre 2019
di La Redazione
Palazzo Municipale Santeramo
Palazzo Municipale Santeramo © n.d

Immediate le reazioni alle critiche mosse da Santeramo in MoVimento (M5S) nei confronti dell’amministrazione comunale a guida 5 stelle.

Nelle ultime ore, infatti, gli attivisti pentastellati santermani hanno – con una nota inviata alla nostra Redazione – fatto una “tiratina d’orecchie” all’amministrazione e al sindaco Baldassarre in primis.

Alla base alcune mancate risposte in tema di viabilità urbana (in primis questioni legate alla segnaletica e poi sul tema Ztl).

Come volevasi dimostrare a “bagnare il pane “nella diatriba mediatica c’hanno pensato alcune forze politiche che si oppongono all’amministrazione comunale: la prima, la Lega con il vice-segretario regionale nonché già candidato sindaco alle ultime amministrative, Giovanni Riviello e un consigliere comunale d’opposizione, Michele Digregorio, di Direzione Italia, e il segretario sempre di Direzione Italia, Giovanni Petragallo.

«Da M5S a M5% il passo è davvero breve. C’era una volta una Amministrazione comunale monocolore – afferma Riviello - in cui i consiglieri comunali fecero un comunicato stampa per attaccare il sindaco e la giunta di non essere stati neppure in grado di mettere un segnale di divieto e di chiudere al traffico il centro storico. Convocare una riunione di maggioranza, no? Però si vantavano di aver risolto le crisi industriali! Tornatevene a casa, non perché è una vostra scelta, ma per un gesto d’affetto verso la nostra città. Siete una barzelletta, purtroppo vera però».

Dello stesso avviso è Michele Digregorio.

«Quando a criticare l’amministrazione sono gli stessi componenti della maggioranza allora significa che la Giunta Baldassarre è arrivata al capolinea».

«Purtroppo – commenta l’ex sindaco - per la nostra città la nave sta affondando, e il Sindaco che fa? Forse cambierà qualche altro Assessore invece di ammettere il fallimento della Amministrazione pentastellata».

«Cari concittadini, su ciò che si sta verificando tra le fila dell'amministrazione comunale pentastellata, mi chiedo e, probabilmente se lo chiedono anche i santermani, se il sindaco Baldassarre gode ancora della fiducia della sua maggioranza. Chiedo agli stessi consiglieri comunali pentastellati, qual è la loro posizione alla luce delle critiche mosse dal loro stesso partito ???...sono ancora intenzionati a sostenere il sindaco Baldassarre???
Noi di Direzione Italia Santerano lo avevamo già detto nelle scorse settimane che la revoca di deleghe e la sostituzione di assessori (ad oggi sono tre, se non sbaglio, e ne sono previsti altri nei prossimi giorni) sono segno che la maggioranza non ha più ragione d'essere e che il sindaco non ha più la fiducia del suo stesso partito» - commenta invece il segretario di Direzione Italia, Giovanni Petragallo.

«Per farla breve, "l'associazione Santeramo in movimento"= movimento 5 stelle di Santeramo manifesta un palese e profondo dissenso sull'operato del sindaco Baldassarre e denota che non esiste più una maggioranza coesa ma due o tre posizioni distinte che non hanno più un'azione comune tra loro. La situazione che si è venuta a creare - conclude Petragallo - e le ripetute prove di incompetenza, incapacità e litigiosità di questa Amministrazione dovrebbero indurre la stessa a dimettersi, per non arrecare ulteriori danni alla nostra città.

Lascia il tuo commento
commenti