Ancora polemiche per via della recente approvazione del regolamento che disciplina il rilascio del contrassegno disabili e delle concessioni aree di parcheggio personalizzate riservate ai disabili

Stalli di parcheggio per diversabili. Baldassarre: «A Santeramo non si pagheranno»

«A noi – afferma il sindaco Baldassarre - pare giusto non far pagare e per questo domani, nella consueta riunione di Giunta del martedì, approveremo una delibera in tal senso»

Politica
Santeramo lunedì 03 dicembre 2018
di La Redazione
Stalli per le auto a servizio dei disabili
Stalli per le auto a servizio dei disabili © n.c.

Continua a tenere banco la polemica riguardo il presunto pagamento per gli stalli di sosta per diversabili.

Alla richiesta di convocazione del consiglio comunale, proposta dall’opposizione consiliare, risponde il sindaco, Fabrizio Baldassarre.

«In una riunione di maggioranza a margine dell’ultimo Consiglio Comunale nel quale, per la prima volta nella storia del nostro Comune, abbiamo messo ordine e proposto (e approvato con i soli voti favorevoli della maggioranza) un regolamento per la gestione dei pass per disabili e degli spazi di parcheggio in città, abbiamo deciso che saranno gratuiti per i richiedenti gli stalli di parcheggio “personalizzati”»afferma il primo cittadino ricordando l'odierno appuntamento la Giornata Internazionale per le Persone con Disabilità che si celebra quest'oggi.

«Un articolo del regolamento (il 13) aveva determinato – continua Baldassarre - inutili polemiche strumentali da parte dell’opposizione che voleva dimostrare il “teorema” della nostra insensibilità al tema della disabilità, additando il regolamento addirittura come “vessatorio” per i disabili. Un regolamento stabilisce norme generali, linee guida fondamentali, lasciando alla politica (come è giusto che sia) la valutazione di dettaglio (se far pagare o quanto far pagare»).

«A noi – conclude il sindaco Baldassarre - pare giusto non far pagare e per questo domani, nella consueta riunione di Giunta del martedì, approveremo una delibera in tal senso. Di questo problema non deve appropriarsi nessuno per farne un baluardo strumentale di contrapposizione politica.Chi lo fa è uno sciacallo della politica».

Lascia il tuo commento
commenti