Il consigliere comunale e tutta la locale sezione di Direzione Italia confluisce in Fratelli d'Italia

Gestione traffico, Digregorio (FdI): «Quali sono gli indirizzi conferiti alla Polizia Locale?»

Secondo il consigliere comunale di minoranza non sarebbero chiari gli indirizzi che l'amministrazione ha conferito al comando di PL

Politica
Santeramo lunedì 13 settembre 2021
di La Redazione
Il consigliere comunale di opposizione, Michele Di Gregorio
Il consigliere comunale di opposizione, Michele Di Gregorio © n.d.

Nuovo comunicato, questa volta sul tema della viabilità e gestione del traffico, da parte del consigliere comunale Michele Digregorio che, da quest’oggi, diviene consigliere comunale di Fratelli d’Italia.

La componente locale di Direzione Italia, unitamente a Digregorio aderisce infatti al partito di Giorgia Meloni.

A comunicarlo, con una nota, è il coordinatore cittadino di FdI, Nicola Barberio che comunica, inoltre, la nomina di Orazio Scuro a componente del dipartimento Enti Locali dell’esecutivo Provinciale del partito.

Digregorio pone l’accento sulla gestione della viabilità ed in particolar modo sulla gestione del traffico da parte della Polizia Locale.

«Ieri 12 settembre in una giornata quasi autunnale con sprazzi di pioggia, le famiglie arrivano per assistere alla Santa messa presso la nostra Cattedrale. Qualcuno per proteggere i bambini dalla pioggia, lascia momentaneamente parcheggiata l'auto in Via Roma per accompagnarli in Chiesa.Arriva la pattuglia della Polizia locale e, applicando rigorosamente il codice della strada, si ferma e procede con le multe.Proprio sotto la scalinata della Cattedrale si trova parcheggiata una Fiat Multipla e non viene multata, perché?Mi chiedo, in quest'ultimo caso, è forse stato rilasciato in particolare permesso a quel cittadino».

Altri episodi, secondo Digregorio, sarebbero accaduti - sempre in piazza Garibaldi – nei giorni e mesi scorsi.

Comportamento – secondo il consigliere comunale di Fratelli d’Italia – che non risulterebbe identico in presenza nella zona di amministratori comunali.

«Venerdì 10 settembre, nel Palazzo marchesale mentre si svolgeva una manifestazione (siamo all'incirca alle ore 19:30) con la partecipazione di alcuni amministratori locali .... l'intera Piazza Garibaldi e le strade circostanti erano tutte invase da parcheggio ""selvaggio""; addirittura auto parcheggiate sulla fontana storica di Via Piazzolla.
Tutto bene, anzi molto male perché gli Amministratori comunali dovrebbero dare il buon esempio».


Secondo Digregorio alcuni giorni addietro, nel Palazzo marchesale, era in programma una manifestazione organizzata da una associazione locale. All'inizio di Via Carmine era ben visibile il "divieto" di transito per i "non residenti".

«Una Fiat Multipla – afferma il consigliere comunale - ha percorso liberamente Via Carmine e via Piazzolla, si ferma davanti all'ingresso del Palazzo marchesale per fare scendere una persona con alcune "buste". Tutto normale, anzi assolutamente no perché quella autovettura non apparteneva a cittadino residente nella zona».

Infine, Digregorio si rivolge al sindaco Baldassarre e all’asessore alla Polizia Locale, Peppuccio Fraccalvieri.

«Caro Sindaco Baldassarre e Assessore alla Polizia locale, cortesemente volte spiegare alla città la logica di questi comportamenti? Considerato che compito degli amministratori è quello di "indirizzo e controllo", volete esternare quali sono gli indirizzi in materia di "traffico" conferiti al Comando della Polizia locale? Cari Amministratori pentastellati, non pensate che in alcune circostanze (come oggi, giornata piovosa, con la celebrazione della Santa messa) serve "buon senso"»

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Cittadino Donato Bitetti ha scritto il 15 settembre 2021 alle 06:50 :

    Finalmente da parte del consigliere Digregorio un argomento azzeccato e coraggioso (propaganda elettorale a parte). Non credo che QUALCUNO risponderà al suo sollecito. In attesa, ricordo ai cittadini quali DOVREBBERO essere le competenze dei vigili: Prevenzione, accertamento (multe), soccorso come da Codice della Strada. Tutela degli interessi specifici della collettività in materia di attività commerciale ed annonaria (vedi visibilità e controllo sui prezzi), veterinaria, urbanistico-edilizia, sanitaria, rurale, tributaria. - P.S. - Ragazzi diamoci una mossa! Rispondi a Cittadino Donato Bitetti

  • Pippo ha scritto il 14 settembre 2021 alle 18:22 :

    Vogliamo risposte pertinenti dall'amministrazione su questo mistero. È già accaduto che ad alcuni è stato concesso di parcheggiare sulle chianche di piazza Garibaldi in occasione di matrimoni. Premesso che è assurdo consentire il parcheggio sulla piazza e poi piangere periodicamente per le chianche rovinate, se esiste un regolamento, rendetelo pubblico perché non si facciano figli e figliastri. Rispondi a Pippo

  • Cittadino ha scritto il 14 settembre 2021 alle 08:38 :

    Ogni santermano ha la sua opinione circa l'efficienza del nostro comando di polizia municipale. Pensavamo che il colmo per i nostri vigili fosse sparire dalla circolazione. Ma i favoritismi sono un'altra cosa. La denuncia di Digregorio circa la Fiat Multipla deve avere un seguito. Il comandante Caporusso deve verificare l'accaduto: o sanziona disciplinarmente i vigili in servizio domenica nei pressi della chiesa o smentisce pubblicamente Michele Digregorio. Se Caporusso non smentisce Digregorio, vuol dire che a Santeramo c'é un serio problema di deontologia professionale. Se questa faccenda non viene chiarita, ogni cittadino che sarà multato in futuro saprà di essere vittima di una scelta discriminatoria, visto che c'è gente a cui è permesso di violare il codice della strada. Chiaro? Rispondi a Cittadino

  • Cittadino ha scritto il 13 settembre 2021 alle 19:07 :

    Ottimo questo intervento di Michele Digregorio. Questi sono gli interventi che vogliamo sentire noi cittadini. Di chi è la Fiat Multipla? Rispondi a Cittadino

  • Maria P. ha scritto il 13 settembre 2021 alle 17:38 :

    Compriamoci tutti una😉 Fiat multipla e il problema è risolto. Rispondi a Maria P.