Diverse le aree, secondo quanto riferisce il consigliere comunale, interessate dallo stato di abbandono ed incuria

Degrado e sporcizia in paese, Digregorio (DI) scrive al vicesindaco

Nuova denuncia del consigliere di minoranza Michele Digregorio (Direzione Italia)

Politica
Santeramo lunedì 19 luglio 2021
di La Redazione
Degrado e sporcizia in paese, Digregorio (DI) scrive al vicesindaco
Degrado e sporcizia in paese, Digregorio (DI) scrive al vicesindaco © Michele Digregorio

Lo stato di degrado e sporcizia, in alcune aree del paese, torna ad essere al centro del dibattito politico locale.

A sollevare, nuovamente la questione è il consigliere di minoranza Michele Digregorio (Direzione Italia) con una lettera aperta inviata al vicesindaco e assessore all’ambiente, Maria Anna Labarile

«A mia memoria – scrive nella missiva indirizzata all’amministratore (di cui copia è pervenuta in Redazione) - mai le strade della città sono state così sporche e, soprattutto invase da erbacce e rifiuti di ogni specie e genere, uno stato di squallore senza precedenti».

«Bene l'Area-Dog, però ritengo necessario intervenire, quotidianamente, nella pulizia e disinfestazione della intera area circostante, che peraltro in questo periodo è molto frequentata dalle famiglie e dai bambini». 

«Chiedo scusa – continua il consigliere di Direzione Italia -se con questa mia nota sono costretto a distogliere l'amministrazione comunale da quattro lunghi anni di torpore, sperando che almeno Lei, che presumo vive a Santeramo, avrà notato che è quasi impossibile frequentare certe aree della città, oppure semplicemente passeggiare, senza esporsi a pericoli di "infezioni"».

«Dopo aver visto i suini che circolano indisturbati nell'area della Pietà, oggi notiamo il nostro centro storico completamente abbandonato all'incuria, cosicché non può certamente rappresentare un luogo da far visitare ai forestieri e turisti nonostante tutto l'impegno della Pro Loco e delle altre Associazioni locali».

«Mentre pubblico queste foto ("cartoline") dello stato in cui si trova il nostro centro storico e il pascolo dei suini, ometto (per pura decenza) quelle di Piazza Berlinquer».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • GioNa ha scritto il 23 luglio 2021 alle 22:58 :

    Per non parlare dei 4 alberi spelacchiati piantati nell'area verde di Via Matera. Non è ancora stata inaugurata e già ha un aspetto decadente tra alberi secchi e deiezioni canine dove inciampano bambini e adulti. E qui invece si pensa a fare altro verde al campo Mele! Ma perché prima non sistemate le aree verdi che già ci sono, magari arricchendole con nuove piante e impianto di irrigazione? E poi il campo Mele andava semplicemente ripristinato viste le esigenze emerse di strutture idoneesllo sport, o pensate di promuovere lo sport semplicemente con contributi-contentino annuali alle associazioni sportive? Rispondi a GioNa

  • Ernest ha scritto il 23 luglio 2021 alle 09:59 :

    I politici attenti si notano nelle piccole cose: se non sono capaci di chiudere le buche, garantire la pulizia delle deiezioni canine, una segnaletica dignitosa, un centro vaccinale ecc., come possono occuparsi della centrale a biomasse, la disabilità ecc.?! Funzionano solo i selfie e la propaganda di occasione sui grandi problemi. Purtroppo. Rispondi a Ernest

  • Cittadino stanco ha scritto il 22 luglio 2021 alle 15:58 :

    Tempo perso. La vicesindaco fa orecchio da mercante. Sono mesi che segnaliamo l'abbandono di deiezioni canine in area verde su Via Matera e altre zone! Mai un controllo. Rispondi a Cittadino stanco

  • Cittadino ha scritto il 20 luglio 2021 alle 08:42 :

    Il consigliere Michele Digregorio deve parlarci dell'autorizzazione alla realizzazione della centrale a biomasse (inceneritore) rilasciata nel 2009 dall'ex sindaco avv. VITO VOLPE su relazione dell'allora dirigente ing. GIOACCHINO MAIULLARI. Lui faceva parte di quella maggioranza. Cosa hanno autorizzato? Veramente pensate che ci beviamo la storiella della "filiera corta"? Avevamo bisogno di smaltire del legname o degli scarti di lavorazioni agricole? Nessun imprenditore avrebbe ubicato una centrale a biomasse a filera corta a Santeramo perché non abbiamo scarti di lavorazioni agricole e scarti di legname. Perché il Giudice e la Regione hanno autorizzato il privato a costruirci addosso una centrale a biomasse idonea allo smaltimento dei rifiuti? Santeramo diverrà la discarica della murgia. Rispondi a Cittadino

    Vito Zullo ha scritto il 23 luglio 2021 alle 15:21 :

    Basta chiedere l'accesso agli atti legge 241/90 e, sapremo cosa è stata autorizzata. Entro 30 giorni, come prevede la normativa, dovranno fornire il documento/relazione, diversamente, lo sanno pure loro che si va incontro al penale. Rispondi a Vito Zullo

  • Cittadino ha scritto il 19 luglio 2021 alle 21:12 :

    Inquinamento elettromagnetico dei RIPETITORI addirittura a pochi metri dalle Balilla e dell'Umberto I con una concentrazione tra le più alte della Puglia; tetti e grondaie d'AMIANTO sparsi in tutto il centro storico; a breve una centrale a biomasse - INCENERITORE; MEZZI PESANTI in pieno centro. Consigliere Digregorio non pensi di candidarsi sindaco perché non ha una capacità di visione dei gravissimi problemi di Santeramo, lei vede solo le deiezioni canine... Vedremo i malati di tumore nei prossimi anni... PS Perché non denuncia l'omessa rimozione obbligatoria delle strutture in amianto? PS Lei faceva parte della maggioranza dell'ex sindaco VITO LILLO che ha autorizzato la centrale a biomasse (su relazione dell'allora dirigente ing. GIOACCHINO MAIULLARI)... Poveri santermani. Rispondi a Cittadino

    Pippo ha scritto il 23 luglio 2021 alle 09:56 :

    Parole al vento...qui non ci ascolta nessuno. La politica continua a curare il suo orticello e noi cittadini a subirne le conseguenze, anche per la salute e il portafoglio! Rispondi a Pippo

    Mariella ha scritto il 28 luglio 2021 alle 06:52 :

    Sig. Pippo...la COLPA è dei cittadini se la Politica continua a "curare il proprio orticello" (come da Lei definito). "Chi non ha il coraggio di ribellarsi, non ha il diritto di lamentarsi" - sacrosante parole! Rispondi a Mariella

    Un altro cittadino ha scritto il 01 agosto 2021 alle 12:08 :

    Purtroppo, sig.ra Mariella...a volte accade che chi si oppone a questo andazzo, viene tagliato fuori dalla possibilità anche solo di ricevere ascolto o proporre alternative o esprimere il proprio punto di vista di tecnico sulle questioni. Se non sei un "adulatore" di chi conta, vieni messo a tacere. Alla faccia della progettazione partecipata e sociale!