Presentazioni di libri

Presentato il libro giallo “Le uguaglianze diverse” di Nunzio Smacchia

Il "Lions Club" di Santeramo con la collaborazione della libreria via Roma ha organizzato e promosso l'evento

Cultura
Santeramo domenica 16 marzo 2014
di Roberta Lanzolla
L'autore del libro, Nunzio Smacchia
L'autore del libro, Nunzio Smacchia © Libreria "L'Edicola di Via Roma" - Adamo Morgese photographer

Presso il palazzo Marchesale è stato presentato, venerdì 14 marzo, il libro del criminologo di origini santermane Nunzio Smacchia (occasionalmente anche giornalista per Repubblica e per la Gazzetta del Mezzogiorno).

«Ci tenevo particolarmente a presentare il mio libro in un paese a me molto caro; qui sono nati i miei nonni e mia madre; questo libro è autobiografico come lo sono tutti, io ci ho messo solo il 25% della storia, che a dispetto della sinossi, è molto positiva, io, infatti, odio raccontare storie drammatiche, non mi interessa vendere più copie ma coinvolgere il lettore attraverso intrecci narrativi non necessariamente tragici. Nel giallo si intrecciano due storie, quella dell'indagine per l'uccisione delle due prostitute a Bari cui viene coinvolto il criminologo Cosimo Rago e appunto la storia d'amore tra Cosimo e una ragazza conosciuta 4 anni dopo la morte di sua moglie.

Ho ambientato il mio giallo a Bari perché adoro Bari e i baresi; rappresento la città in maniera elegante; la storia è nata tanto tempo fa e ci ho messo un paio d'anni per definirla al meglio; ci tengo a precisare come i personaggi femminili siano il perno del romanzo e rappresentano una scelta narrativa; il finale è amaro e avvincente» queste le parole dell'autore.

E' intervenuto inoltre il sostituto procuratore della repubblica di Bari Ettore Cardinali.

Ecco la sinossi del libro: L’omicidio di due prostitute sconvolge la vita tranquilla della città di Bari. Nelle indagini viene coinvolto Cosimo Rago, un professore di criminologia con passate esperienze in America che, tra partite di tennis, tornei di bridge e piatti preparati per gli amici, collabora con la dottoressa Federica Aliprandi, bella, affascinante e sportiva, responsabile della Omicidi della Questura di Bari. Il professore è chiamato alla stesura del profilo del serial killer. La presenza di tracce singolari rinvenute sulle scene dei crimini vicino ai cadaveri (piume di pappagallo, soldatini di piombo e diversi tipi di fiori) mettono a dura prova le capacità indagatrici del criminologo. Sullo sfondo di una Bari incantevole per la sua storia e il culto per il suo patrono, San Nicola, tra ricognizioni turistico-gastronomiche del litorale meridionale barese (Polignano e Monopoli) e della Valle d’Itria (Selva di Fasano, Laureto, Cisternino, Locorotondo, Alberobello e Martina Franca) si sviluppa una storia d’amore che avrà un epilogo imprevedibile, sorprendente, come inaspettata sarà la risoluzione del caso grazie all’intuito brillante del professor Rago che, attraverso la ricostruzione psico-comportamentale, risalirà all’insospettabile identità dell’assassino.

Lascia il tuo commento
commenti