La presentazione avrà inizio alle ore 19:00

”Gli Itinerari Matematici in Basilicata”, mercoledì 22 gennaio la presentazione in biblioteca

Ad accompagnare l’autrice Sandra Lucente nella presentazione anche Carlo Cardinale, già assessore alla cultura di Santeramo, che ha realizzato l’arredo fotografico a corredo del volume

Cultura
Santeramo martedì 14 gennaio 2020
di La Redazione
”Gli Itinerari Matematici in Basilicata”, mercoledì 22 gennaio la presentazione in biblioteca
”Gli Itinerari Matematici in Basilicata”, mercoledì 22 gennaio la presentazione in biblioteca © n.d.

Mercoledì 22 gennaio, alle ore 19:00, presso la biblioteca comunale “G. Colonna” di Santeramo in Colle verrà presentato il volume “Itinerari matematici in Basilicata” (Giazira scritture) dell’autrice Sandra Lucente.

Ad accompagnare l’autrice nella presentazione anche Carlo Cardinale, già assessore alla cultura di Santeramo, che ha realizzato l’arredo fotografico a corredo del volume.

«L’opera – afferma Carlo Cardinale presentando l’iniziativa – è un libro di viaggio con la matematica che fa da guida. Le mie foto hanno guidato l'autrice nel suo viaggio in Lucania e si sono integrate magnificamente col racconto».

«”Gli Itinerari Matematici in Basilicata” – commenta Cristiano Marti (Giazira Scritture) - sono una proposta di sguardo a una terra meravigliosa che si nasconde nel Sud dell’Italia con un pudore antico. Questo libro è per tutti coloro che amano la conoscenza e il viaggiare. Guardare i dettagli, aprire lo sguardo all’orizzonte attorno e poi cercare di descrivere locale e globale con stupore: si ricompone così il percorso fatto da ogni umano che ci ha consegnato qualcosa di artistico, dal punto della ricamatrice alle realizzazioni del famosissimo architetto. Nella matematica non è diverso: la mente umana conosce e usa i segni che i grandi matematici hanno introdotto per creare gigantesche costruzioni di pensiero. Protagonista di queste pagine, come in Itinerari matematici in Puglia, è il turista matematico Paul: racconta di luoghi, personaggi storici, appunta visioni sul suo taccuino. Guarda, incontra, si sorprende. Ed è la stessa cosa che auguriamo al lettore. Guardare, incontrare, sorprendersi (e chissà, anche aver voglia di perdersi) in questa meravigliosa regione».

Lascia il tuo commento
commenti