Il bollettino della Regione

Coronavirus, picco di nuovi contagi: oggi in Puglia sono 143, la metà nel Barese

Sono stati registrati 3 decessi: 2 in provincia di Bari e 1 in provincia di Taranto

Cronaca
Santeramo martedì 08 settembre 2020
di La Redazione
Coronavirus
Coronavirus © n.c.

Oggi, martedì 8 settembre, in Puglia sono stati registrati 3.590 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 143 casi positivi: 74 in provincia di Bari, 8 in provincia di Brindisi; 10 in provincia BAT, 12 in provincia di Foggia, 3 in provincia di Lecce, 33 in provincia di Taranto, 1 fuori regione, 2 provincia di provenienza non nota.

Sono stati registrati 3 decessi: 2 in provincia di Bari e 1 in provincia di Taranto.

Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 331.919 test. 4154 sono i pazienti guariti. 1321 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 6.042, così suddivisi: 2209 nella Provincia di Bari; 487 nella Provincia di Bat; 722 nella Provincia di Brindisi; 1452 nella Provincia di Foggia; 704 nella Provincia di Lecce; 415 nella Provincia di Taranto; 50 attribuiti a residenti fuori regione; 3 provincia di residenza non nota.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Il bollettino epidemiologico Regione Puglia è disponibile cliccando qui.

Dichiarazione Dg Asl Bari Antonio Sanguedolce: “Il bollettino epidemiologico registra oggi 74 casi di positività al Sars Cov 2- in provincia di Bari di cui 55 fanno riferimento alla attività di sorveglianza del Dipartimento di prevenzione in corso in una azienda di Polignano a Mare. 12 dei casi riscontrati oggi invece - prosegue Sanguedolce - sono contatti stretti di positivi già individuati e sotto sorveglianza, 3 sono rientri dall’estero e altri 4 casi sui quali sono indagini in corso per individuare origine e fattori di rischio”.

Dichiarazione Dg Asl Bt Alessandro Delle Donne: “5 casi sono contatti stretti di positivi registrati nei giorni scorsi e 3 sono casi sintomatici. Su altri 2 casi è in corso indagine epidemiologica a cura del Dipartimento di Prevenzione”.

Dichiarazione Dg Asl Brindisi Giuseppe Pasqualone: "Dei casi positivi registrati in provincia di Brindisi, due sono contatti stretti di casi già accertati. Il terzo, invece, è una persona che ha manifestato sintomi riconducibili a una infezione da Coronavirus ed è stata sottoposta a tampone su indicazione del medico di medicina generale. Gli altri riguardano l’attività di sorveglianza epidemiologica nell’azienda di Polignano a Mare (Ba)”.

Dichiarazione Dg Asl Foggia Vito Piazzolla: “I nuovi casi positivi in provincia di Foggia sono 10. Di questi: 3 sono contatti di casi già noti; 2 sono persone rintracciate durante l'attività di screening; 2 sono cittadini stranieri presenti sul territorio provinciale; 3 sono le persone sintomatiche individuate grazie alla segnalazione dei medici di medicina generale”.

Dichiarazione Dg Asl Lecce Rodolfo Rollo: “Dei casi registrati oggi dalla Asl Lecce, uno è un contatto stretto di un caso già noto e due sono stati accertati con il consueto screening che viene eseguito all’accesso al pronto soccorso”.

Dichiarazione Dg Asl Taranto Stefano Rossi: “Dei 33 casi Covid, attribuiti per residenza a Taranto, 16 sono relativi all’indagine epidemiologica nell’azienda di Polignano a Mare (Ba). Altri casi sono relativi ad una RSA già oggetto di focolaio; altri ancora sono casi di contatti positivi riscontrati a seguito di indagine epidemiologica del Dipartimento di Prevenzione; altri, infine, sono casi positivi che sono stati rilevati grazie all’azione di triage svolta dai medici di medicina generale o dalle USCA”.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Alberto Giove ha scritto il 08 settembre 2020 alle 20:05 :

    Buona sera !! Io non capisco, si parla tanto di evitare assembramenti, si parla tanto di evitare code superflue , per esempio negli studi medici di famiglia. Perché non si sfrutta di più la telematica? In ogni casa ci sono telefonini e pc di ultima generazione. Perché quindi dobbiamo ancora fare la file per farci prescrivere una ricetta medica , quando la si PUÒ far pervenire, all' interessato, via mail?? Rispondi a Alberto Giove