Il dato, rispetto alla settimana precedente, è in flessione (si erano infatti registrati 61 contagi e il tasso segnava quota 253,3)

Report Asl Covid, contagi in calo ma Santeramo che resta sempre ultima per vaccinazioni

Rispetto alla scorsa settimana, infatti, non è stato registrato alcun incremento sostanziale del numero di persone che hanno completato il ciclo vaccinale

Cronaca
Santeramo venerdì 19 novembre 2021
di La Redazione
Laboratorio test Covid
Laboratorio test Covid © Unsplash

Nella settimana 8-14 novembre l’andamento delle nuove positività si conferma stazionario. Il tasso settimanale oscilla da 32,7 a 31,9 casi per 100mila abitanti, a testimonianza di una ancora contenuta circolazione del virus Sars Cov 2 nel territorio dell’Area Metropolitana di Bari, diversamente dall’incidenza che a livello nazionale continua ad aumentare (da 78 a 98 per 100mila abitanti).

 

Il trend di contagi di Santeramo desta sempre preoccupazioni.

Nella settimana tra l’8 novembre e il 14 novembre sono 45 i casi di nuove positività al Covid-19 riscontrate con un tasso, per ogni 100mila abitanti, di 173,6.

Il dato, rispetto alla settimana precedente, è in flessione (si erano infatti registrati 61 contagi e il tasso segnava quota 253,3) ma se valutato rispetto agli altri comuni dell’area metropolitana Santeramo risulta seconda solo a Bari (dove sono stati riscontrati ben 90 casi).

La campagna di vaccinazione anti-Covid nell’ultima settimana ha garantito la somministrazione di circa 20mila dosi, per un totale complessivo di 2 milioni e 35.479 dosi.  Di queste, oltre 65mila costituiscono terze dosi, tra vaccini addizionali e richiami “booster” riservati alle categorie di soggetti fragili, operatori e ospiti di strutture residenziali ed operatori sanitari, compresa una quota consistente, pari a 40.807, appannaggio della fascia d’età dai 60 anni sino agli over 80.

La copertura vaccinale dei residenti baresi è cresciuta di un altro punto percentuale in sette giorni: l’89% della popolazione, con età pari o superiore ai 12 anni, ha completato la scheda di vaccinazione. La copertura totale, in particolare, aumenta ancora nelle fasce d’età 12-19 anni (84%), 30-39 (81%) e 50-59 (92%). Dai 60 anni in poi la protezione dei cittadini è ormai a livelli massimi, con il 96% dei residenti che ha portato a termine il ciclo vaccinale. Straordinaria l’adesione dei 70-79enni: il 99% ha fatto prima e seconda dose.

 

Per quanto riguarda le vaccinazioni, a Santeramo, su una popolazione vaccinabile di 23.257 persone (ovvero dai 12 anni in su) l'84% ha ricevuto la prima dose, mentre l'81% ha ricevuto entrambe le dosi.

Nel dettaglio, sinora sono stati somministrati 37.379 vaccini a persone residenti a Santeramo: 19.614 per la prima dose e 16.897 per la seconda.

Il dato – stando ai numeri forniti dalla Asl – certifica una preoccupante stasi: rispetto alla scorsa settimana, infatti, non è stato registrato alcun incremento sostanziale del numero di persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

Neanche la presenza di un hub vaccinale nel nostro comune, la percentuale di vaccinati sembra non aumentare certificando una profonda diffidenza della popolazione nei confronti dei sieri contro il Covid-19.

Le coperture territoriali, parallelamente, continuano a guadagnare terreno. Salgono a 32 i comuni che hanno raggiunto l’obiettivo del 90% di vaccinati con prima dose, così come passano a dieci i municipi con almeno il 90% di residenti over 12 completamente vaccinati.

In questa fase epidemica, infine, è fondamentale non solo continuare ad aderire alla campagna vaccinale, ma anche rispettare le misure anti-contagio nelle diverse situazioni di vita comunitaria.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Pippo ha scritto il 21 novembre 2021 alle 14:07 :

    ...possibilmente, controlli e sanzioni anche in prossimità degli ingressi degli edifici scolastici. Rispondi a Pippo

    Santeramano ha scritto il 21 novembre 2021 alle 16:58 :

    Per questo motivo chiedo l'obbligo di mascherina all'aperto... quello che succede all'entrata e all'uscita da scuola lascia senza parole e pieni di rabbia tutti quei genitori e operatori della scuola che fanno tanti sacrifici e poi si vedono dei deficienti che se ne fregano del prossimo... il sindaco vive a Bari e nemmeno immagina di cosa parliamo... e noi subiamo... Rispondi a Santeramano

  • Santermano ha scritto il 20 novembre 2021 alle 08:04 :

    SINDACO il "cittadino" ha il diritto di critica politica (e il diritto alla privacy). Io critico tutti, non solo lei. Ritengo di non essere un hater ma un cittadino attento. Non deve definire le critiche "ingiuste", deve accettarle come stimolo o a fare meglio o (almeno) a comunicare meglio. Riconosco l'autorità del suo ruolo, la complessità della situazione, il fatto che lei regge da solo tutta l'amministrazione, che i dirigenti comunali sbagliano continuamente, che lei fa anche cose giuste, che nonostante tutto ha dimostrato di essere più capace dei suoi predecessori - ma deve impegnarsi seriamente sui controlli anti-covid e pensare più alla sostanza che all'apparire. Dove stanno gli annunciati controlli dei green pass nei locali? Rispondi a Santermano

  • Santermano ha scritto il 19 novembre 2021 alle 18:23 :

    "Questa caccia alle streghe sui no vax distoglie dall'obiettivo principale, perché in Inghilterra si è vaccinato il 74% della popolazione e hanno 40mila casi al giorno", mentre "l'Irlanda dove si è vaccinato il 93% della popolazione con età superiore a 18 anni, con una media dell'84%, in questo momento è la nazione che ha più contagi al mondo: c'è qualcosa che non capiamo e bisogna metterselo in testa". Lo dice a 'L'Aria che tira' su La7 il virologo Andrea Crisanti, direttore dei dipartimenti di microbiologia e virologia dell'università di Padova, spiegando che "la differenza dei non vaccinati in questo momento rispetto alla trasmissione non ha un grossissimo impatto". Lo ripeto: a Santeramo il problema principale è il menefreghismo su mascherine e distanziamento +CONTROLLI +SANZIONI Rispondi a Santermano

  • Elena L. ha scritto il 19 novembre 2021 alle 16:01 :

    Ormai veniamo derisi da tutti perché santeramo è un paese di ottusi e filosofi e naturalmente non mancano i virologi novax che continuano a ripetere che il vaccino e solo un bluff e una trovata della sanità mondiale per fare soldi a palate. Ma svegliateviiii la situazione e seria e voi continuate a dire cavolate! Una mia carissima amica e a casa con il virus e oltre a lei ce anche suo marito e 2 bambini piccoli tutti contagiati e adesso muoiono di paura perché non hanno il vaccino e la prima cosa che ha detto e stata APPENA GUARIREMO ANDREMO SUBITO A FARE IL VACCINO e bisognava prenderlo per convincersi?Continuate con le vostre teorie ma il risultato (reale) è bel altro Rispondi a Elena L.

    Santernano ha scritto il 20 novembre 2021 alle 17:13 :

    Il vaccino ci copre dal rischio ospedalizzazione e morte ma non dal rischio contagio (specie a distanza di tempo dalla somministrazione). Se tu sei una vaccinata che non usa la mascherina potresti essere asintomatica e potresti essere stata proprio tu ad aver contagiato la tua amica senza saperlo (perché non ti fai il tampone ogni 48 ore per andare a lavorare). Io penso che i non vaccinati (salvo che non siano degli idioti) siano dei paurosi che sono ragionevolmente più attenti alle mascherine e al distanziamento perché sanno di essere molto più a rischio dei vaccinati (non si sono vaccinati per paura dei vaccini, figurati se non hanno paura del covid). Personalmente, io non dubito dei vaccini, dubito dei vaccinati e dei non vaccinati, per questo chiedo +CONTROLLI+SANZIONI Rispondi a Santernano

  • Nicola ha scritto il 19 novembre 2021 alle 15:48 :

    Il problema è serio ma a santeramo viene ignorato allora penso sia arrivato il momento di usare la forza (sono completamente d'accordo con santeramo) ma aggiungerei anche un lockdown solo per chi non è vaccinato prendere esempio dall'Austria e dalla Germania possono uscire solo per andare a lavorare ma presentano un regolare tampone (a spese proprie e non delle aziende) poi una volta finito di lavorare non potranno più uscire di casa e magari arriveranno a capire che il vaccino salva loro stessi e di conseguenza protezione per i propri figli Rispondi a Nicola

  • Santermano ha scritto il 19 novembre 2021 alle 10:45 :

    Ormai è chiaro che la percentuale delle prime dosi a Santeramo (ma anche altrove) non salirà più di tanto (se non si procede con delle strette sui green pass a livello centrale). Mi pare evidente che stiamo percorrendo lo stesso viatico dell'anno scorso. Appena salirà il numero dei ricoverati nelle terapie intensive metteranno Santeramo immediatamente in lockdowm (i nostri numeri sono già da zona rossa). Per evitare che ciò accada, non è sufficiente sensibilizzare alla prima e alla terza dose, è necessario che il SINDACO faccia due cose: 1) CONTROLLO DEI GREEN PASS nei locali al chiuso (e sanzionare); 2) disporre l'OBBLIGO DI MASCHERINA ALL'APERTO (e sanzionare). Non ci sono altri modi per tentare di fermare la nostra progressione dei contagi. SINDACO ho fiducia in lei, non mi deluda. Rispondi a Santermano