Nell’Area metropolitana di Bari, il tasso settimanale è pari a 23,2 per 100mila abitanti, in decremento rispetto al dato di sette giorni fa e anche nel confronto con le due scorse settimane

Report Covid Asl, nella percentuale di vaccinazioni Santeramo ancora "maglia nera" tra i comuni met

Malgrado il lieve aumento (dal 60% al 61%) Santeramo risulta ancora l'ultimo comune nella classifica dei comuni metropolitani con percentuali di vaccinazioni completate

Cronaca
Santeramo venerdì 27 agosto 2021
di La Redazione
Coronavirus test
Coronavirus test © n.c.

Il monitoraggio settimanale conferma la persistenza delle nuove positività a livelli bassi. Nell’Area metropolitana di Bari, il tasso settimanale è pari a 23,2 per 100mila abitanti, in decremento rispetto al dato di sette giorni fa e anche nel confronto con le due scorse settimane.

I CASI A SANTERAMO

Attualmente sono 5 i nuovi casi di contagio registrati a Santeramo nella settimana 47 (16/08 – 22/08) dato uguale alle precedenti 2 rilevazioni del mese di agosto portando a 19,3 il tasso di contagi per ogni 100mila abitanti, ben al di sotto del dato metropolitano.

L'ANDAMENTO DELLA CAMPAGNA VACCINALE NELL'AREA METROPOLITANA

Continuano a crescere i numeri della campagna vaccinale anti-Covid che, dal 27 dicembre ad oggi, ha totalizzato oltre 1milione e 753mila dosi somministrate.

Cifre che si riflettono nell’ampia copertura vaccinale assicurata alla popolazione vaccinabile, dai 12 anni in poi: l’85% ha ricevuto almeno la prima dose e il 72% ha completato l’intero ciclo di immunizzazione.

Nell’ultima settimana, in previsione della ripartenza delle attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado, la ASL Bari ha dato notevole impulso alla vaccinazione dei ragazzi e delle ragazze tra 12 e 19 anni, tramite prenotazione, con sedute mirate “a sportello” e anche con chiamata attiva, d’intesa con le istituzioni scolastiche. L’adesione della popolazione in età scolare è stata nel complesso molto alta: quasi 13mila vaccinati in quattro giorni, oltre 19mila dal 16 agosto e più di 108mila dosi totali somministrate. Con una copertura vaccinale che ha già raggiunto con prima dose il 70% dei 12-19enni e il 37% con ciclo completo.

In aumento anche le coperture nelle altre fasce d’età più giovani: 76% con prima dose tra i 20-29enni, 75% per i 30-39enni e 82% tra i 40-49. Dai 50 anni in poi, inoltre, la copertura vaccinale è attestata su livelli medi elevatissimi: 93% con prima dose e 86% con immunizzazione completa, con un picco del 97% (91% a ciclo completo) tra i 70-79enni.

LA VACCINAZIONE A SANTERAMO

 

Santeramo, sempre secondo i dati ufficiali forniti dalla Asl Ba, resta ancora"maglia nera" di tutta l'area metropolitana.

Stando ai dati a Santeramo risultano somministrate 31.130 dosi tra i cittadini di cui 17.487 prime dosi e 13.643 seconde dosi.

In base a quanto comunicato dalla Asl Bari, quindi, il 75% della popolazione santermana ha ricevuto solo la prima dose. Il 61% dei santermani, invece, ha completato il ciclo di vaccinazione. Rispetto alla scorsa rilevazione, quindi, il dato vede un lievissimo incremento (pari all’1%) ma resta sempre molto al di sotto della media metropolitana.

Il gap, in percentuale, rispetto ad altri comuni dell'area metropolitana si attesta sempre intorno all'8%.

Stabilire il perché di questo “record” in negativo è un interrogativo a cui molti, ad oggi, ancora non trovano risposta.

Da non dimenticare, inoltre, che nelle scorse settimane la Asl aveva inoltre organizzato a Santeramo – presso il centro vaccinale di via Pietro Sette – una tre giorni, a sportello, per consentire la vaccinazione di giovani tra i 12 e 19 anni.

La Asl, inoltre, invita i i cittadini oltre che a vaccinarsi, per chi ancora non l’avesse fatto, a continuare ad osservare le regole di prevenzione.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 27 agosto 2021 alle 19:37 :

    E magari dovremmo anche vigilare di più sui vaccini e i loro contenuti "extra", come hanno fatto i giapponesi che hanno sospeso 1.6 milioni di fiale Moderna perché la distributrice Takeda ha scoperto che contenevano, tutto da capire il perché, particelle metalliche che rispondevano ai magneti. Rispondi a Franco

  • Cittadino ha scritto il 27 agosto 2021 alle 14:48 :

    Per me i motivi sono: 1) il "fanta" hub in loco era stato dato per acquisito da Baldassarre e Digregorio e ciò ha indotto un ritardo per gli over 60; 2) notevoli disagi per gli over 60 nel vaccinarsi fuori paese senza navetta (prevista invece per i pendolari per Bari da una fermata Sita all'altra ); 3) poco utili i tre giorni esclusi agli over 60 presso il nostro nano hub quando sono pure tutti in ferie (se non ci fosse stato il calo fisiologico dell'affluenza presso gli hub regionali non avrebbero mandato il loro personale da noi); 4) Baldassarre non ha mai comunicato il numero totale di paesani over 60 che ci hanno lasciato causa covid prima di potersi vaccinare. P.S. Qual'è il ritardo % di Santeramo nella fascia over 60 (quella più a rischio)? È SUPERIORE ALL'8%? ⏰sveglia... Rispondi a Cittadino

    Cittadino ha scritto il 29 agosto 2021 alle 09:11 :

    Anche in altri paesi ci si sposta, ma noi siamo i meno vaccinati in assoluto. A mio avviso ci sono delle chiare responsabilità politiche e morali A LIVELLO LOCALE dietro questo ritardo. La campagna vaccinale è stata rallentata dall'ncapacità gestionale e dalla mediocrità comunicativa nostri politicanti. Non è un caso se abbiamo registrato anche il maggior numero di contagi e, presumibilemente, di decessi: ZERO CONTROLLI = ZERO PERCEZIONE DEL RISCHIO. Secondo voi i nostri VV.UU. hanno svolto un adeguato controllo circa il rispetto delle norme anti-Covid in villa, su C.so Roma, nei supermercati, nei parchi, all'entrata/uscita dalle scuole? La colpa è sempre dei nostri politicanti e della gente che ancora li sostiene anziché cacciarli a pedate nel sedere. Rispondi a Cittadino

    Marco ha scritto il 28 agosto 2021 alle 13:41 :

    Guarda che per gli over 60 e non solo non c'è nessun obbligo vaccinale, sia chiaro. Si vaccina chi ne è convinto. Rispondi a Marco

    Pippo ha scritto il 31 agosto 2021 alle 06:55 :

    ...chi è convinto o chi è spaventato dalla miriade di informazioni sulle conseguenze o chi semplicemente è incline a eseguire le indicazioni dall'alto...difficile dirlo con certezza Rispondi a Pippo

    Cittadino ha scritto il 30 agosto 2021 alle 17:23 :

    Gli indecisi (e i contrari) sono percentualmente presenti in tutti i comuni in misura presumibilmente simile. A Santeramo è il dato percentuale dei vaccinati che è oggettivamente disallineato rispetto a quello degli altri comuni. Rispondi a Cittadino