Tra i finalisti altri 5 alunni delle classi 2’A e 3’ G del plesso Bosco

Concorso di poesia “Premio Roddi”, Elena Lella della "Bosco-Netti" terza classificata

Il “Premio Roddi” nel tempo ha mantenuto il suo obiettivo iniziale: aprire le porte alla poesia, da sempre mezzo per esprimersi e comunicare

Attualità
Santeramo martedì 03 settembre 2019
di La Redazione
Concorso di poesia “Premio Roddi”, Elena Lella della
Concorso di poesia “Premio Roddi”, Elena Lella della "Bosco-Netti" terza classificata © n.d.

Domenica 1° settembre 2019, alle ore 16.30, nella suggestiva cornice del castello di Roddi, paese per la Poesia, un piccolo comune piemontese della provincia di Cuneo, si è tenuta la cerimonia di premiazione dell’annuale concorso poetico “Premio Roddi” bandito dall’associazione culturale omonima e giunto, ormai, alla sua 24^ edizione. Dal 1996, a un passo dal quarto di secolo, viene dato modo a tutti, adulti e bambini, di esprimersi liberamente in versi partecipando con poesie a tema libero in lingua italiana, in lingua piemontese e nelle lingue minoritarie del Piemonte.

Il “Premio Roddi” nel tempo ha mantenuto il suo obiettivo iniziale: aprire le porte alla poesia, da sempre mezzo per esprimersi e comunicare. Migliaia di opere nel corso di questi ventiquattro anni sono state inviate e decine di queste sono state premiate da una giuria che dal 2006 è presieduta dal prof. Giovanni Tesio.

Quest’anno è salita sul podio nella sezione 'Premio Alba Beccaria' (dedicata a bambini e ragazzi in base al grado di scuola frequentata), vincitrice del terzo premio, Elena Lella, che tra qualche giorno tornerà tra i banchi della scuola secondaria di primo grado “Bosco- Netti” di Santeramo in Colle per frequentare, insieme ai suoi compagni della classe 3’ A, l’ultimo anno di scuola media presso il plesso Bosco. A lei, per la poesia “Conoscenza” sono stati consegnati il premio in denaro, il diploma, alcuni libri e l’Antologia 2019 che è la raccolta delle poesie vincitrici e di quelle segnalate dalla Giuria.

Tra i finalisti altri alunni delle classi 2’A e 3’ G del plesso Bosco. Sono stati segnalati dalla Giuria come testi meritevoli e pertanto inseriti nell’Antologia 2019 anche le poesie: “Pioggia improvvisa” di Giada Cacciapaglia 2^A, “Scivola pioggia” di Alessandro Palmisano 2^A, “È tempo” di Luisa Sportelli 2^A, “Il mondo è al di fuori del finestrino” di Francesco Debellis 3^G, “Via col treno” di Mara Martino 3^G.

L’augurio per il futuro? “Continuare a sostenere e rendere vivo il valore della poesia, riconoscere la sua grande importanza a livello educativo e soprattutto trasmetterla ai più giovani. Per questo motivo hanno un ruolo importante gli insegnanti”, precisa Margherita Vaira, presidente dell’associazione culturale Premio Roddi “E a questi ultimi in special modo va il mio ringraziamento. Loro hanno il compito di guidare i più piccoli non solo alla conoscenza delle cose, ma anche di sé, e la poesia è un mezzo molto efficace”.

Lascia il tuo commento
commenti