Dati incoraggianti a parte restano però molte “ombre” sulla gestione dell’appalto

Rifiuti, a giugno la percentuale di differenziata sale al 73%

Questo è il primo dato a distanza dal giugno 2018 ovvero dall’avvio della nuova metodologia di raccolta dei rifiuti

Attualità
Santeramo venerdì 05 luglio 2019
di La Redazione
Rifiuti, a giugno la percentuale di differenziata sale al 73%
Rifiuti, a giugno la percentuale di differenziata sale al 73% © n.d.

Nuovi dati sulla raccolta differenziata dei rifiuti a Santeramo.
Secondo quanto ha appena comunicato il sindaco di Santeramo, Fabrizio Baldassarre, a giugno 2019 il dato santermano tocca quota 73,48%.

Questo è il primo dato a distanza dal giugno 2018 ovvero dall’avvio della nuova metodologia di raccolta dei rifiuti.

Nello specifico: imballaggi di carta e cartone 27,5 tonnellate, plastica 66,4 tonnellate, vetro 57,8 tonnellate, carta 61 tonnellate, legno 15 tonnellate, organico 225,3 tonnellate, rifiuti ingombranti 28 tonnellate, il resto indifferenziato.

Nel mese di giugno scorso, lo stesso primo cittadino, aveva lanciato un piccolo allarme proprio per un calo della raccolta differenziata che – nei fatti – si era concretizzato nell’avvio di procedure di controllo sull’operato dei cittadini a fronte di un lieve incremento dei rifiuti indifferenziati.

Dati incoraggianti a parte restano però molte “ombre” sulla gestione dell’appalto.
Gli iniziali disservizi – scontati nel passaggio da una tipologia ad un’altra di gestione – non sono mai spariti. Anche il recente “cambio di passo” con il subentro della Teknoservice al posto della Asv che lasciava presagire una vera e propria svolta al momento non si è ancora concretizzata.

Continuano – a mezzo social ma anche direttamente alla nostra Redazione – le denunce di mancati ritiri dei rifiuti da parte dell’azienda appaltatrice così come ancora zone del paese nelle quali la spazzatura delle strade e la relativa pulizia lasciano a desiderare.

Dall’altro lato, però, anche gli “sporcaccioni” santermani sembrano non aver ancora capito l’antifona.

Di sicuro c’è che alcuni di questi sono già stati “beccati” e sanzionati pesantemente, le inefficienze (o presunte tali) nella gestione dell’appalto vi saranno sempre ma allo stesso tempo il primo importante passo non può che passare dal senso civico di ogni cittadino santermano.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • francesco baldassarre ha scritto il 05 luglio 2019 alle 15:44 :

    Le dichiarazioni del Sindaco trovano il tempo che trovano!!! Una cosa è certa, e per esperienza personale, Vi posso garantire che il cittadino è obbligato a fare lo sporcaccione (come ci definisce il Sindaco); in quanto l'isola ecologica (?) non accetta rifiuti particolari. Rispondi a francesco baldassarre