Cambiamenti

Il Centro Polivalente per anziani si trasforma nel job centre "Porta Futuro"

Le attività di socializzazione e animazione per gli anziani non saranno però soppresse, ma spostate presso la struttura della Casa di Riposo di via Pietro Sette.

Attualità
Santeramo sabato 30 marzo 2019
di Barbara Colapinto
La struttura dell'ex biblioteca in Corso Italia
La struttura dell'ex biblioteca in Corso Italia © Santeramolive.it

A poche ore dalla celebrazione del Consiglio Comunale odierno, con un post ed un video su Facebook, il sindaco Baldassarre rende nota la nuova destinazione d’uso della struttura del Centro Polivalente per anziani attualmente ubicato presso l'immobile ex biblioteca comunale in Corso Italia.

Considerato che il 31 marzo scade l'affidamento del servizio CPA, costato € 12.500/ mese, l’amministrazione pentastellata ha visto nella struttura superficie e caratteristiche tecniche rispondenti al progetto di Job Centre “Porta Futuro”. “Obiettivo è creare una rete di sportelli informativi integrati e di sviluppare successive fasi di orientamento al lavoro di nuova generazione – spiega il Primo Cittadino - rivolto non solo alle fasce di età giovanili ma anche ai cittadini, usciti da pochi anni dal mercato del lavoro a causa di crisi economica, e ai cittadini nella fascia di età 45-56 che non hanno mai effettuato corsi di formazione per l'inserimento lavorativo, o non hanno competenze riconosciute e certificate.”
Tra le attività di “Porta Futuro”: accoglienza e bilancio di competenze, orientamento, formazione
Sostegno allo start-up, recruitment, networking, banca del tempo, servizi innovativi di supporto e orientamento, eventi e formazione.
A tal proposito, “con nota prot. 2088 del 29.01.2019, dando seguito agli incontri di co-progettazione avuti nel mese di dicembre 2018, la Città Metropolitana ha invitato Santeramo in qualità di Comune capofila, a procedere con la progettazione esecutiva del progetto Porta Futuro Metropolitana. Per la realizzazione di questa iniziativa è arrivato in favore del nostro Comune un importo complessivo di 499.510,58 euro di cui 141.958,61 quale potenzialità per il coinvolgimento dei Comuni di Gioia e Cassano.”

Dunque l’amministrazione ha ritenuto opportuno rivedere la delibera di G.C. n. 120 del 10.8.2018 e dare al Dirigente di settore un nuovo indirizzo con atto di giunta del 29.3.2019 con cui si prevede lo svolgimento presso la struttura della Casa di Riposo di attività di socializzazione e animazione per gli anziani della città oltre che per gli ospiti della struttura in modo da farne un polo dedicato e specializzato di accoglienza, valorizzazione e cura della terza età. Quindi le attività dedicati alla terza età non verranno soppresse, ma spostate.

“Questa scelta strategica – prosegue Baldassarre - permette anche di efficientare la gestione e di ridurre drasticamente i costi. Nelle more della gara di appalto della concessione (la cui discussione sulle modalità sarà debitamente portata in uno dei prossimi Consigli Comunali), la Coop. Con Noi ha dato la disponibilità a continuare il servizio di socializzazione degli anziani nella struttura di Corso Italia fino a fine aprile aprendosi alla possibilità di sperimentare nuovi percorsi di inclusione e integrazione in continuità tra gli anziani del paese e la Casa di Riposo.”

Per permettere agli utenti di raggiungere la Casa di Riposo sarà garantito un servizio navetta a orari regolari da e verso la struttura di via Pietro Sette e il coinvolgimento degli Enti Terzo Settore per le attività di animazione socio-culturale e ludica.”

Lascia il tuo commento
commenti