Vita amministrativa

Il comune di Santeramo selezionato per il progetto "RiformAttiva"

L’ente santermano, infatti, figura tra i 36 comuni selezionati per il progetto nell’implementazione della riforma della pubblica amministrazione (c.d. "riforma Madìa")

Attualità
Santeramo martedì 03 aprile 2018
di La Redazione
Il comune di Santeramo selezionato per il progetto
Il comune di Santeramo selezionato per il progetto "RiformAttiva" © n.d.

Il comune di Santeramo in Colle selezionato per partecipare al progetto nazionale "RiformAttiva" finanziato dal Dipartimento della Funzione Pubblica-Presidenza del Consiglio dei Ministri

L’ente santermano, infatti, figura tra i 36 comuni selezionati per il progetto.

Il Dipartimento della Funzione Pubblica, nell’ambito dell’Asse I, azione 1.3.5 del PON “Governance e Capacità istituzionale” 2014/2020, ha avviato il progetto RiformAttiva per sostenere gli enti locali nell’implementazione della riforma della pubblica amministrazione (c.d. "riforma Madìa"), affidandone la realizzazione a FormezPA (www.formez.it).

«A febbraio – afferma il sindaco Baldassarre - ho deciso di candidare il nostro Comune all'avviso "RiformAttiva" rivolto alle pubbliche amministrazioni regionali e locali (province, comuni con popolazione tra i 20.000 e i 200.000 abitanti, unioni di comuni) manifestando l’interesse a partecipare al progetto al quale prenderanno parte un numero selezionato di amministrazioni, che definiranno e realizzeranno un intervento organizzativo, della durata complessiva di 9 mesi, volto all’implementazione della riforma nell’ambito del tema della gestione delle risorse umane (assessment delle competenze e definizione dei fabbisogni di personale)».

Il Comune di Santeramo in Colle (con dirigenti e collaboratori) avrà l’opportunità di usufruire gratuitamente del supporto di società e centri di consulenza, per implementare, raffinare ed adattare, in base al nostro contesto organizzativo, soluzioni organizzative efficaci e strumenti utili a razionalizzare procedure messi a punto nella prima fase del progetto e di confrontarsi e fare parte di una rete di amministrazioni impegnate in processi di riforma ed innovazione amministrativa, attraverso la partecipazione a workshop, seminari, attività di formazione in presenza e a distanza.

«Avremo – conclude il primo cittadino - l'opportunità di confrontarci con un network di Enti locali apprendendo esperienze e pratiche positive da riportare nella nostra macchina amministrativa. Esprimo grande soddisfazione per essere stati selezionati dalla Commissione con il nostro progetto: si tratta di un passo importante verso lo sviluppo delle competenze e la modernizzazione dei processi nel nostro Comune».

Lascia il tuo commento
commenti