Il fatto

Covid, obbligo vaccinale: altri 26 medici sospesi dall’Ordine di Bari

«I medici che non accettano l’evidenza scientifica - commenta Filippo Anelli, Presidente dell’Ordine - vengono meno al proprio giuramento e si chiamano fuori dalla comunità della professione»

Attualità
Santeramo mercoledì 26 gennaio 2022
di La Redazione
Vaccino anti Covid
Vaccino anti Covid © ASL Bari

L’Ordine dei medici di Bari ha sospeso l’altro ieri altri 26 medici che non risultano in regola con l’obbligo vaccinale, a seguito delle nuove procedure approvate con il Decreto Legge 172 del 27 novembre scorso e a cui il garante della privacy ha dato il via libera a metà dicembre.

Dei 53 medici sospesi nelle settimane scorse, 3 hanno prodotto una certificazione valida. In totale, a oggi sono quindi 76 i medici sospesi dall’Omceo Bari per mancata ottemperanza dell’obbligo vaccinale, dall’avvio delle procedure.

Prosegue quindi l’attività di verifica dell’Ordine dei medici di Bari che consiste nell’incrociare l’anagrafe nazionale del Green Pass con le liste dei propri iscritti.

Su 10.894 medici iscritti all’Omceo Bari, al momento le posizioni sotto osservazione perché non ancora in regola rappresentano il 3,9% degli iscritti, contro una media nazionale del 7,2%. Secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità (19 gennaio 2022) l’efficacia del vaccino nel prevenire l'infezione da SARS-CoV-2 è pari al 66,7% nei soggetti vaccinati con dose aggiuntiva/booster, al 66% entro 90 giorni dal completamento del ciclo vaccinale, 53% tra i 91 e 120 giorni, e 34,7% oltre 120 giorni dal completamento del ciclo vaccinale.

Il vaccino previene casi di malattia severa al 97,5% nei soggetti vaccinati con dose aggiuntiva/booster, al 95% dei casi nei vaccinati con ciclo completo da meno di 90 giorni, al 93% nei vaccinati con ciclo completo da 91 e 120 giorni, all’89% nei vaccinati che hanno completato il ciclo vaccinale da oltre 120 giorni. Il tasso di ospedalizzazione dei non vaccinati risulta circa dodici volte più alto rispetto ai vaccinati con dose aggiuntiva/booster e circa dieci volte più alto rispetto ai vaccinati con ciclo completo da ≤ 120 giorni.

Il tasso di ricoveri in terapia intensiva per i non vaccinati risulta trentanove volte più alto rispetto ai vaccinati con dose aggiuntiva/booster e circa ventuno volte più alto rispetto ai vaccinati con ciclo completo da ≤ 120 giorni. Il tasso di mortalità per i non vaccinati risulta circa trentatre volte più alto rispetto ai vaccinati con dose aggiuntiva/booster e circa undici volte più alto rispetto ai vaccinati con ciclo completo da ≤ 120 giorni. “Tutti i dati in nostro possesso dimostrano l’efficacia del vaccino - commenta Filippo Anelli, Presidente dell’Ordine dei medici di Bari - I medici che non accettano l’evidenza scientifica vengono meno al proprio giuramento e si chiamano fuori dalla comunità della professione.”

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Marco ha scritto il 27 gennaio 2022 alle 11:57 :

    Anelli si sta prendendo la responsabilità di sospendere dal lavoro e dallo stipendio medici sani sino a prova contraria, sottraendoli ai loro pazienti. Rispondi a Marco

  • Franco ha scritto il 26 gennaio 2022 alle 14:30 :

    Anelli dice che questi medici sono venuti meno al giuramento di Ippocrate. Deve aver letto una versione aggiornata: il nuovo Giuramento d'Ipocrita. Rispondi a Franco