Nella settimana dal 15 al 21 novembre

Covid, nelle scuole del Barese 69 nuovi casi in una settimana. La metà nelle primarie

Delle attuali 69 positività, 13 sono riconducibili al personale scolastico e 56 agli alunni, che rappresentano la fetta più rilevante dei contagi riscontrati

Attualità
Santeramo giovedì 25 novembre 2021
di La Redazione
Covid nelle scuole
Covid nelle scuole © Unsplash

E' costante l’andamento dei contagi nelle scuole in provincia di Bari. Nella settimana dal 15 al 21 novembre, il team scuole dell’Eic della Asl ha rilevato complessivamente 69 casi, con una lieve flessione rispetto agli 82 della settimana precedente. Delle attuali 69 positività, 13 sono riconducibili al personale scolastico e 56 agli alunni, che rappresentano la fetta più rilevante dei contagi riscontrati. Il report fornito dagli operatori del Dipartimento di prevenzione impegnati nella sorveglianza sanitaria in ambito scolastico, anche in questa settimana, mette in evidenza una maggiore concentrazione di positività nelle scuole primarie e nelle prime classi della scuola secondaria di primo grado, tra alunni non ancora vaccinabili per età. Nel dettaglio, infatti, quasi la metà dei casi totali sono stati intercettati nelle scuole primarie con 31 studenti positivi, seguiti dai 13 casi emersi nella scuola media.
 
«Come nella settimana precedente continuiamo a rilevare casi di infezione al Sars Cov 2 tra gli studenti più piccoli - spiega Sara De Nitto, referente team scuole Covid - che insorgono in ambito famigliare e/o lavorativo. Il monitoraggio è sempre più capillare e tempestivo, anche alla luce delle nuove indicazioni ministeriali su tracciamento e quarantene. Alla sorveglianza si è affiancata - conclude De Nitto - la campagna dei richiami vaccinali per gli operatori scolastici che contribuirà a mettere ancora più in sicurezza il mondo scuola».
 
Prosegue inoltre lo screening dei bambini di età compresa fra i 6 e gli 11 anni, attraverso i tamponi salivari nell’ambito del progetto sentinella: terminata la seconda fase formativa destinata alle famiglie, il Dipartimento di prevenzione ha già provveduto a consegnare agli istituti che hanno aderito al progetto, i test che saranno impiegati per le auto somministrazioni dei tamponi in ambito famigliare.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Angela ha scritto il 27 novembre 2021 alle 11:42 :

    Bravo santermano 👍 però a santeramo gli ottusi sono troppi ed è inutile parlarci perché tanto non si smuovono dal loro pensiero di non vaccinarsi perché hanno paura 🤦‍♀️ ma paura di cosa poi?Non lo capirò mai Rispondi a Angela

  • Santermano ha scritto il 26 novembre 2021 alle 09:57 :

    Ho sentito in TV Gioria Meloni che diceva che la probabilità di un under 19 di morire di covid è pari a quella di essere colpito da un fulmine. A me non piace l'idea di vaccinare gli under 12, prima dovrebbero essere obbligati a vaccinarsi tutti gli altri. Bisognerebbe intervenire sui grandi non sui piccoli. Facessero più controlli anti-Covid e anti assembramenti. Ad esempio, per me a Santeramo invece di pensare ai bambini delle primarie bravissimi con le loro mascherine, bisogna castigare i ciuccioni nei soliti bar dell'assembramento. Dove sono i controlli dei green pass annunciati dal sindaco? Cosa fanno i vigili? Aspettiamo la zona rossa? # +CONTROLLI +SANZIONI # Salviamo il Natale 🎅 # interveniamo prima sui grandi... Rispondi a Santermano

    Maria P. ha scritto il 26 novembre 2021 alle 16:48 :

    L'anno scorso dovevamo salvare il Natale e poi la Pasqua e poi le vacanze e ora di nuovo il Natale. Non vorrai mica che crediamo in eterno agli slogan? Rispondi a Maria P.

    Santermano ha scritto il 27 novembre 2021 alle 15:33 :

    E tu che proponi? Di chiudere gli occhi e di subire il menefreghismo di chi é vaccinato da oltre 5 mesi o non è nemmeno vaccinato e se la spassa senza mascherina e senza distanziamento? Io insisto sui controlli perché a Santeramo non si fanno controlli. Io non ci tengo a rischiare il contagio per colpa del menefreghismo altrui. Le chiusure sì, il vaccino a chi non rischia nulla come i bambini sì, e poi non si puniscono i deficienti nei soliti posti dell'assembramento? Non mi sembra giusto. Se il sindaco facesse il suo dovere è mandasse i controlli ci sarebbe meno menefreghismo e meno gente rassegnata come te. Non capisco come facciate a non protestare. A me il sindaco é simpatico ma per i mancati controlli lo critico continuamente. Rispondi a Santermano

    Graziano ha scritto il 26 novembre 2021 alle 16:14 :

    Non sanno come smaltire 800 mila dosi Pfizer conservate nei frigoriferi pugliesi e in scadenza a breve. Rispondi a Graziano

    Santermano ha scritto il 27 novembre 2021 alle 15:34 :

    Lo sanno... terza dose ravvicinata... Rispondi a Santermano