Numerose le segnalazioni rivolte all'associazione dei consumatori da diversi cittadini

Ancora incuria e mancanza di rispetto al cimitero comunale

Il Codacons chiede "un immediato intervento" all'amministrazione comunale

Attualità
Santeramo venerdì 14 maggio 2021
di La Redazione
La situazione di degrado ed abbandono denunciata dal Codacons
La situazione di degrado ed abbandono denunciata dal Codacons © Codacons Santeramo

Quello che, nei fatti, dovrebbe essere un luogo di pace e rispetto nei fatti sembra invece non “avere pace”.

Parliamo, ancora una volta, di uno stato di degrado riguardante il cimitero comunale.

Come si ricorderà, infatti, non molto tempo fa la nostra Redazione aveva raccolto il grido, disperato, di una concittadina che lamentava situazioni poco rispettose per il luogo.

A segnalare casi di abbandono e degrado del cimitero comunale questa volta è la locale sede del Codacons.

L’associazione dei consulmatori – come comunicato alla nostra Redazione in una nota - ha raccolto l’indignazione di numerosi cittadini a riguardo presunti casi appunto di degrado ed incuria lamentando quella che viene definita come «la presenza di una vera e propria selva che cresce indisturbata fino a ricoprire le tombe dei cari defunti».

«Il desolante quadro di incuria è completato dalla presenza di erbacce e piante infestanti diffuse ovunque, viali ostruiti da sterpaglie, intonaci distaccati in più punti, pavimentazione sconnessa piena di crepe e buche che costituiscono un pericolo per la sicurezza dei visitatori».

Secondo il Codacons tale situazione «denota una grave mancanza di rispetto per i defunti, inaccettabile per una amministrazione che vuole definirsi “civile”».

Per queste ragioni, con una nota pec inviata in data di ieri al comune di Santeramo in Colle, l’associazione dei consumatori ha chiesto all’Amministrazione comunale «un immediato intervento teso a porre fine al grave stato di degrado e incuria in cui versa il cimitero comunale».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Pippo ha scritto il 16 maggio 2021 alle 17:43 :

    Malcontento diffuso. Basta fare un giro per la città per rendersi conto di quanto lincuria sia diffusa. Per esempio, che cosa aspettate a falciare l'erba su via Matera? E soprattutto dopo un anno che si sono conclusi i lavori all'area verde, che aspettate ad attivare l'illuminazione, mettere un cestino ad ingresso e uscita per le deiezioni canine e gli appositi cartelli per ricordare ai frequentatori i comportamenti idonei a garantire la buona tenuta dell'area verde? Rispondi a Pippo

  • Lassandro Michele ha scritto il 14 maggio 2021 alle 11:11 :

    Un schifo totale... Ne vogliamo parlare anche del paese,erbacce ovunque ,date un occhiata palazzine via Foggia Rispondi a Lassandro Michele

  • Invano Paradiso ha scritto il 14 maggio 2021 alle 07:32 :

    Questo è troppo, lì c'è gente che riposa, gente che è ha contribuito alla crescita del nostro paese, un luogo di profondo rispetto verso i nostri cari defunti. Devo per forza puntare il dito al Sindaco : " hai abbandonato i vivi è pure i morti" Rispondi a Invano Paradiso

  • Cittadino ha scritto il 14 maggio 2021 alle 07:12 :

    Sindaco, lei colleziona una figuraccia dietro l'altra. È evidente che non riesce ad amministrare nemmeno l'ordinario e le tematiche più semplici. Il problema era stato già sollevato, anche sui suoi social. Non ha scuse. Avrebbe potuto impiegare i percettori del reddito di cittadinanza dato che gli stessi hanno l'obbligo di svolgere lavori di pubblica utilità. Ora cosa ci dirà? Dubiterà delle fotografie? Rispondi a Cittadino

  • Cav. franco Porfido ha scritto il 14 maggio 2021 alle 06:44 :

    Semplicemente da vergognarsi. Se questa amministrazione non pensa ai vivi per il degrado che avvolge la nostra tanto cara città, come può pensare ai nostri Cari Defunti? Rispondi a Cav. franco Porfido

  • .Mario mandola ha scritto il 14 maggio 2021 alle 04:11 :

    Vergogna non ci sono altre parole Rispondi a .Mario mandola