Da anni la tribuna del campo sportivo è preclusa agli spettatori

Tribuna inagibile del campo Casone, la FC Santeramo sul piede di guerra: «Subito i lavori»

La squadra calcistica santermana minaccia il ritiro della squadra della squadra dal campionato e la possibilità di disputare il match fuori dalle mura casalinghe con la possibile cessione del titolo sportivo.

Calcio
Santeramo lunedì 04 dicembre 2017
di La Redazione
Tribuna inagibile del campo Casone, la FC Santeramo sul piede di guerra: «Subito i lavori»
Tribuna inagibile del campo Casone, la FC Santeramo sul piede di guerra: «Subito i lavori» © FC Santeramo

Fermento nel movimento calcistico santermano.

Questa volta, però, non sono i risultati sportivi a scuotere gli animi.

Da anni, ormai, è infatti preclusa, agli spettatori, la possibilità di assistere alle partite presso il campo “Casone”.

La tribuna, infatti, è completamente inagibile recando quindi un grave danno per gli appassionati di sport, non solo del calcio, che quindi si vedono privati della possibilità di assistere ai vari match.

Sul “piede di guerra” è infatti l’ACD FC Santeramo che, in un comunicato inviato in Redazione, esprime tutto il proprio disappunto minacciando, tra le varie cose, il ritiro della squadra della squadra dal campionato e la possibilità di disputare il match fuori dalle mura casalinghe con la possibile cessione del titolo sportivo.

“Oggi 04 Dicembre 2017, all’indomani della bellissima giornata sportiva svoltasi presso il campo comunale Casone di Santeramo in colle (BA) in occasione della prima partita casalinga della prima squadra calcistica locale, il consiglio direttivo della società ASD Fc Santeramo si è riunito per discutere la questione della inagibilità delle tribune sollevata dal custode e da uno dei dirigenti comunali in seguito alla numerosa ed inaspettata partecipazione del pubblico santermano (circa 300 persone tra cui parenti, donne e bambini)” – commenta la squadra santermana.

“In mattinata l’assessore allo sport – scrive ancora la FC Santeramo - convocava un nostro dirigente al quale negava l’accesso del pubblico alla tribuna per le future partite casalinghe; nel caso in cui l’amministrazione non provvedesse nel più breve tempo possibile a trovare una soluzione per consentire al pubblico di assistere alle gare , così come promesso dal Sindaco in occasione della presentazione ufficiale tenutasi nella sala consigliare il giorno 31 ottobre 2017, il consiglio societario ha deliberato all’unanimità di valutare il ritiro della squadra dal campionato competente e la migrazione delle gare casalinghe e del titolo sportivo in un altro paese limitrofo”.

Ma la società sembra non voler demordere e rilancia con una raccolta firme, che si svolgerà il prossimo 10 dicembre, per chiedere al più presto i lavori per rendere agibile la tribuna.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette