Emergenza neve

Zullo, Protezione Civile in Puglia impreparata

Il presidente del gruppo regionale dei Conservatori e Riformista, Ignazio Zullo, segnala il caso di un paziente all’Ospedale della Murgia che ha atteso 5/6 ore per una trasfusione di sangue

Politica
Santeramo domenica 08 gennaio 2017
di La Redazione
Ospedale della Murgia
Ospedale della Murgia © n.c.

Riceviamo una nota dal presidente del gruppo regionale dei Conservatori e Riformista, Ignazio Zullo. “Ondata di freddo e ed eccezionali nevicate, una situazione straordinaria, ma prevista. Ampiamente prevista da più di una settimana, almeno! Anche la semplice App Meteo installata sul proprio telefonino preannunciava neve anche sulle coste baresi, figuriamoci sulla Murgia. Insomma, c’era tutto il tempo perché il vice presidente della Giunta regionale, in qualità di assessore alla Protezione civile, il responsabile del Dipartimento di Protezione Civile pugliese e il sindaco della Città Metropolitana di Bari organizzassero una efficace rete di emergenze che impedisse il blocco totale di arterie stradali importanti come le Statali 100 e 96 (nella serata di ieri decine e decine di automobilisti sono rimasti bloccati nelle loro auto in attesa di soccorsi) che collegano Altamura, Santeramo, Cassano, Gioia del Colle. Ma soprattutto se avessimo avuto una Protezione civile funzionante avrebbe evitato l’isolamento di Altamura con i conseguenti disagi alla circolazione non solo degli altamurani, ma anche per i fornitori dell’Ospedale della Murgia”.

Prosegue Zullo. “Ieri (venerdì 6 gennaio, ndr) un paziente ha atteso 5/6 ore per una trasfusione di sangue perché le scorte erano finite e le sacche dovevano arrivare dall’Ospedale Di Venere di Bari. L’Ospedale della Murgia è una struttura che il Piano di Riordino considera di Primo Livello, dotata di un Pronto Soccorso, che diventa irraggiungibile per la neve che per altro sulla Murgia non è neppure un evento così straordinario, per cui lo stato di efficienza con qualsiasi situazione meteorologica deve essere sempre garantita.

Senza contare che vi sono dializzati a domicilio in località dove le forti nevicate hanno avuto come conseguenza l’interruzione della corrente elettrica e nessun tecnico riesce a raggiungerli per ripristinarla.

Se il vice presidente Nunziante o il consigliere regionale Mennea o il sindaco metropolitano Decaro hanno immaginato che bastasse un po’ di sale sulle strade e mandare qualche comunicato alla stampa per scongiurare i disagi del maltempo farebbero bene ad andare a prendere lezioni da chi gestisce le Autostrade dove gli spazzaneve sono entrati immediatamente in funzione garantendo la circolazione dei mezzi normali e pesanti.

Si dirà che sull’Autostrada si paga un pedaggio, ma sulle Strade Statali, le Provinciali e le Comunali cittadini pagano le tasse!”

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Vita ha scritto il 08 gennaio 2017 alle 08:04 :

    Condivido tutto ciò... Rispondi a Vita

  • Francesco Tritto ha scritto il 08 gennaio 2017 alle 07:41 :

    Ecco il campione del giorno. Speculatore e sciacallo politico. Me lo immagino nella sua bella villa chiuso davanti al camino, a ridere dei suoi avversari politici in previsione delle prossime comunali a Cassano. Io abito a Santeramo, e nonostante la gravissima emergenza, prevista ma incalcolabile per le dimensioni straordinarie delle precipitazioni, tutti gli amministratori,e non, si sono rimboccati le maniche e in prima persona, secondo le proprie possibilità, si sono preoccupati di portare sollievo, anche lieve, a chi necessitava maggiormente. Ora, sicuramente si poteva organizzare meglio il tutto, probabilmente, ma dall’alto della sua capacità politica, avrebbe potuto partecipare, con qualche telefonata strategica, a migliorare la situazione. Questo articolo è, a mio parere, assolutamente fuori luogo. Si vergogni, anche perchè le tasse finanziano anche il suo sprecatissimo stipendio. Rispondi a Francesco Tritto

Le più commentate
Le più lette