Santeramo - martedì 10 gennaio 2017 Cronaca

Maltempo

Nevicherà fino a mercoledì. Emiliano lascia Santeramo: «ritardo negli interventi comunali»

Puglia ancora nella morsa siberiana. Costituita ieri l’Unità di crisi. Botta e risposta tra D'Ambrosio ed Emiliano

  • Nevicherà fino a mercoledì. Emiliano lascia Santeramo: «ritardo negli interventi comunali»

Emiliano a Santeramo per coordinare i soccorsi © Michele Emiliano (Facebook)
di La Redazione

Nevicate sono ancora attese in Puglia fino alla mattinata di mercoledì a causa della vasta aerea depressionaria sull’Europa orientale che dal 5 gennaio sta flagellando il Meridione d'Italia.

Le previsioni della Protezione civile parlano di precipitazioni, a carattere isolato, a quote di bassa collina e localmente al livello del mare, associate a temperature ancora molto basse con estese gelate.

Nella giornata di ieri, intanto, il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha annunciato la dichiarazione dello stato di crisi e di emergenza sul territorio regionale. È stato un lunedì intenso, in cui non sono certo mancate le polemiche sulla gestione dell'emergenza e che ha visto la costituzione dell’Unità di crisi nella Sala operativa regionale.

«Il sistema regionale di protezione civile - spiega la Regione - comprende componenti dello stato che fanno capo alle prefetture, i sindaci, i presidenti delle province e della Città metropolitana, il volontariato e altre strutture operative. L’attività di coordinamento è svolta dalla Sala operativa regionale che sta garantendo e attuando le attività richieste dalla legge n. 225 del 1992».

Emiliano, da ieri a Santeramo per coordinare i lavori dell'emergenza, ha da poco lasciato la nostra cittadina alla volta di altre città limitrofe pesantemente colpite dall'emergenza. Il presidente, in un video caricato sulla sua pagina Facebook e allegato in questo articolo, ha commentato lo stato di emergenza di Santeramo ritenendo che ora la situazione è migliorata e che gli interventi comunali sono stati attuati con ritardo.

Di tutta risposta risponde, sempre a mezzo Facebook, il primo cittadino di Santeramo.

"I Santermani - afferma D'Ambrosio - non si sono fatti prendere dal panico. Siamo un popolo abituato al lavoro, anzi al lavoro duro. È vero forse non siamo abituati a rimanere in casa sul divano. Al contrario, abbiamo sentito la forte esigenza di urlare il disagio".

 

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
1 Commento
  • Mirella Binetti ha scritto il 11 gennaio 2017 alle 08:50 :
    E uno schifo,anche CASSANO delle murge e stato abbandonato ,almeno a Santeramo ce un sindaco,ma qui nessuno ha urlato x i cittadini Cassanesi,nelle periferie senz acqua e luce con bambini,lasciati a morire,abbiamo spalato noi tutti uniti x salvarci,le autorità se ne sono sbattuti ,anno solo risposto al telefono a prendere in giro,che cavolo ci sono a fare,solo x vederli in divisa??e uno schifoooooo.
Chiudi Non visualizzare di nuovo