L’iniziativa nata nel 2014 a Milano

La Capagrossa protagonista della “Settimana del lavoro agile”

L’associazione, insieme ai colleghi di Trani, Altamura, Santeramo e Lecce, mette gratuitamente a disposizione i servizi del coworking, invitando imprenditori e dipendenti a testarne le potenzialità

Attualità
Santeramo mercoledì 16 maggio 2018
di La Redazione
La Capagrossa
La Capagrossa © RuvoLive.it

Il lavoro agile, introdotto dalla legge 8/2017, inizia lentamente a fare capolino anche in Puglia, ed è stato già adottato da alcune aziende o enti pubblici come il nostro Consiglio Regionale, il primo in Italia ammesso a sperimentarne i percorsi. I numeri però sono ancora molto bassi, quasi certamente per la non-conoscenza dei vantaggi e del potenziale che derivano da questo nuovo modo di lavorare, sia dal lato aziendale, sia per il dipendente.

La Capagrossa coworking, con il patrocinio della città Metropolitana di Bari, quest'anno si fa promotrice a livello locale della Settimana del lavoro agile, in programma dal 21 al 25 maggio prossimi.

Questa innovativa modalità di lavoro permette di poter svolgere parte delle proprie mansioni all’esterno dell’azienda, a casa o in spazi attrezzati per il lavoro più vicini alla propria residenza, come ad esempio i coworking. I dati dell’Osservatorio Smart working della School of management del Politecnico di Milano dimostrano un decisivo aumento di produttività per coloro che fanno uso del lavoro agile e svelano il potenziale di un nuovo modo di operare in crescita, ma ancora poco diffuso, sopratutto al sud.

L'iniziativa di sensibilizzazione, ampiamente diffusa in ambito europeo, per l'Italia è stata promossa la prima volta nel 2014 dal Comune di Milano ed è attualmente gestita da Smartworking srl. L'appuntamento, diventato annuale, mira a far conoscere alle imprese le potenzialità di queste nuove modalità di approccio e le realtà innovative degli spazi di coworking, luoghi ideali per svolgere il lavoro agile.

La Capagrossa ha dunque deciso di coinvolgere i “colleghi” della neonata rete regionale per favorire la diffusione dello smart working anche nelle regioni meridionali: sono già in movimento Co-labory Coworking di Trani, Colla Coworking di Altamura, Officine Standby di Santeramo in Colle e Staisinergico di Lecce. Nelle rispettive sedi rappresentanti di aziende e dipendenti potranno usufruire gratuitamente di una scrivania e dei servizi disponibili (connessione internet, telefono, stampante…) al fine di testare le potenzialità degli spazi. In alcune di esse sono inoltre previsti talk e conferenze sui diversi aspetti del mondo lavorativo: dall’aggiornamento delle competenze necessarie alla libera professione alle opportunità dello smart working per il reinserimento genitoriale. Sarà insomma possibile conoscersi, confrontarsi, imparare in maniera gratuita e inedita.

Lascia il tuo commento
commenti