Sociale

"Centro Socio-Educativo per disabili gravi", l'intervento di "Democratici è Sereno"

L'associazione ha incontrato il Presidente dell’ Ambito territoriale dei Piani sociali di zona e l'assessore Colaccicco

Attualità
Santeramo domenica 12 novembre 2017
di La Redazione
Centro socio-educativo per i disabili gravi
Centro socio-educativo per i disabili gravi © SanteramoLive.it

L’associazione sociale, culturale e politica “Democratici è Sereno” torna a parlare della chiusura del “Centro Socio-Educativo per disabili gravi” di Santeramo in Colle.

L’associazione ha incontrato, assieme ad alcuni genitori in rappresentanza delle famiglie e operatrici del Centro socioeducativo per diversabili gravi di Santeramo il sub commissario del Comune di Altamura nella sua qualità di Presidente dell’ Ambito territoriale dei Piani sociali di zona e un funzionario dell’Ufficio di Piano.

“L'incontro – si legge nella nota a firma di Democratici è Sereno - si è rivelato proficuo in quanto gli stessi hanno affermato di riconoscere l'importanza del Servizio e di avere a disposizione i fondi necessari alla riapertura della struttura. Tuttavia è compito dell'Amministrazione comunale di Santeramo individuare le modalità affinché questo avvenga”.

Al termine dell’incontro, l’associazione è stata ricevuta dall'assessore Colacicco che ha affermato che “ad oggi la nostra Amministrazione comunale è in attesa di essere contattata dai responsabili del servizio dei Piani sociali di zona e che l'Ente comunale non è un "pronto soccorso" e che allo stato è in atto una ricognizione dei servizi alle Persone fragili e che ha bisogno di tempo per la programmazione”.

A queste risposte, sono seguite delle perplessità da parte dell’associazione che martedì 14 novembre si recherà in Municipio “per avere delle risposte che stavolta sperano arrivino direttamente dal sindaco e nel contempo si chiederà che si faccia una nota di convocazione urgente del Coordinamento Istituzionale per definire in tempi molto rapidi l’assegnazione dei fondi per l’avvio urgente delle procedure per l’affidamento della gestione del Servizio diurno e per la continuità di altri Servizi socioassistenziali ai diversabili come "Piazza Grande".

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette