Santeramo - venerdì 28 ottobre 2016 Attualità

Lavoro

Tradeco, prosegue lo stato di agitazione dei lavoratori

Alla base delle rimostranze problematiche retributive

Tradeco. © n.c.
di La Redazione

Continua lo stato di agitazione dei dipendenti della Tradec, azienda che si occupa della raccolta e smaltimento rifiuti nel nostro paese.

Nei giorni scorsi, infatti, i lavoratori avevano già avviato forme di protesta recandosi presso il palazzo Municipale.

Alla base delle rimostranze alcune problematiche retributive.

Pare infatti che gli stessi non abbiano ancora percepito la retribuzione del mese di settembre malgrado gli impegni assunti dall’azienda con i sindacati secondo i quali il 15simo giorno di ogni mese la Tradeco avrebbe liquidato le spettanze ai lavoratori.

Profonda preoccupazione da parte dei dipendenti anche riguardo alla retribuzione del mese di ottobre, ormai prossimo alla scadenza.

Stando a quanto riferiscono gli stessi, inoltre, l’azienda non avrebbe ancora ottemperato – malgrado si fosse già impegnata – a sostituire il vestiario degli operatori e ad assolvere ad altri impegni per migliorare la loro sicurezza sul lavoro.

Nel frattempo, sebbene richiesta dai sindacati di categoria, non ha avuto ancora luogo una riunione nella quale azienda, comune di Santeramo e sindacati avrebbero dovuto discutere circa la risoluzione di queste presunte inadempienze.

Al momento, i lavoratori restano in stato di agitazione e, laddove, la situazione dovesse ancora permanere si dichiarano già pronti ad effettuare giornate di sciopero che graverebbero sul decoro del nostro paese.

Nessuna notizia, almeno ufficiale, riguardo al completamento della procedura di selezione della nuova ditta che si occuperà della gestione del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani.

Da mesi, infatti, si prevedeva la tanto attesa aggiudicazione del servizio per i 13 comuni murgiani rientranti nell’Unicam. Alcuni ricorsi amministrativi, nel frattempo, sembrano aver rallentato l’iter procedurale di aggiudicazione.
 

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
Chiudi Non visualizzare di nuovo