Dialogo scuola - genitori

La Dirigente del I Circolo in merito alla lettera dei genitori

Elena Cardinale risponde alla lettera pervenuta alla nostra Redazione via posta nella giornata di mercoledì 2 marzo

Attualità
Santeramo venerdì 04 marzo 2016
di La Redazione
Il Dirigente del I Circolo Didattico, Elena Cardinale
Il Dirigente del I Circolo Didattico, Elena Cardinale © heroparadiso.com

Anche il Dirigente Scolastico del I Circolo Didattico, dott.ssa Elena Cardinale, scrive in merito alla lettera inviata alla nostra Redazione da alcuni genitori in merito ad un presunto cambio di orario per il prossimo anno scolastico.

"Rispetto alla lettera pubblicata dalla vostra redazione esprimo grande perplessità per alcune incongruenze che saltano subito agli occhi dell'attento e perspicace lettore.

Riprendo testualmente: “È questo il contenuto di una nota di risposta … alla lettera aperta a firma di due genitori pubblicata, quest'oggi, sulla nostra testata. Alcuni genitori, per mezzo di una lettera anonima pervenuta in redazione …”.

Allora, la lettera è anonima o è firmata da due genitori?*" Così esordisce la Dirigente.

"Al di là di questi dubbi e dell'inopportunità della scelta di pubblicare una lettera anonima, ci tengo a chiarire che il Dirigente scolastico ha il ruolo di guida carismatica del proprio Istituto, presiede il Collegio dei Docenti, il quale è e resta “sovrano”, ed è membro di diritto del Consiglio di Circolo, presieduto, tra l’altro, da un genitore: sono proprio gli Organi Collegiali le sedi deliberanti in questioni di organizzazione scolastica!

La scrivente precisa che, secondo lo stile insito da sempre nel Primo Circolo didattico, il proprio agire è sempre volto all'apertura, al dialogo, alla condivisione ed è sorretto da profonde e ponderate motivazioni pedagogiche che pongono al centro dell'attenzione il bambino, il suo benessere e la sua crescita come persona consapevole nel diventare cittadino del mondo".

 

* Per dovere di cronaca riportiamo l'esatta dichiarazione riportata sulla lettera in merito agli scriventi "noi genitori, ci permettiamo di usare questo noi, perché abbiamo constatato che è un pensiero ben più che condiviso".

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette