Santeramo - martedì 26 gennaio 2016 Attualità

Edilizia

Ancora un gravissimo incidente sul Lavoro

Antonio Delle Noci Seg. Filca Cisl : “L’ennesimo incidente mortale ad Altamura, che non può lasciare indifferenti le istituzioni”

Antonio Delle Noci © Cisl
di La Redazione

“L’edilizia, purtroppo, si conferma uno dei settori più pericolosi, e tutti i soggetti interessati hanno il dovere di intervenire per evitare il ripetersi di tragedie come quella di Altamura”.

Lo ha dichiarato Antonio Delle Noci, segretario generale della Filca-Cisl di Bari, commentando l’incidente nel cantiere in piazza Zanardelli, mentre un operaio 52enne di Noci era intento in alcune attività presso il Liceo classico "Cagnazzi" di Altamura.

L'uomo a quanto pare, ieri era al primo piano dello stabile dove sono in corso dei lavori di manutenzione straordinaria e stava effettuando delle pitturazioni. Era su una scala. E sarebbe caduto da un'altezza di circa quattro metri e mezzo urtando violentemente la testa sul pavimento.

“L’uomo sarebbe in gravi condizioni e noi – aggiunge Delle Noci – preghiamo perché lui e per la sua famiglia”.

“La nostra richiesta – ha spiegato Delle Noci – ribadiamo ancora una volta è di replicare quanto di buono fatto a Santeramo in Colle, Comune che ha sottoscritto il protocollo sulla sicurezza che prevede maggiori controlli nei cantieri. Inoltre a livello nazionale insistiamo sulla riforma delle pensioni, per prevedere flessibilità in uscita per gli edili, e su un ruolo maggiore affidato alla bilateralità, con un impiego più efficace del personale del Cpt, oltre alle importanti funzioni svolte dagli Rlst, i nostri rappresentanti per la sicurezza”, ha concluso il segretario generale della Filca di Bari.

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
Chiudi Non visualizzare di nuovo